Calcio, De Laurentiis: “Dopo l’incidente ancelottiano ora nuovo ciclo con Gattuso”

"Napoli da Champions? Lo è sempre stato, c'è stato un incidente ancelottiano e stiamo facendo questo recupero. Proprio ai 60 anni di Ancelotti parlai per ore con Gattuso, ne rimasi estremamente impressionato".

Foto Cafaro/LaPresse

NAPOLI – “Napoli da Champions? Lo è sempre stato, c’è stato un incidente ancelottiano e stiamo facendo questo recupero. Proprio ai 60 anni di Ancelotti parlai per ore con Gattuso, ne rimasi estremamente impressionato”. Lo ha detto Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, nel corso della conferenza stampa di presentazione del ritiro azzurro a Castel di Sangro. “Il mondo dei calciatori solitamente poi non ha molti argomenti da condividere, ma con lui puoi parlare di tutto, non è inquieto, è appagato sul piano personale ed economico – aggiunge – con una famiglia che non ha bisogno di lavorare, non c’è questo spasmodico rincorrere un miglioramento di chissà cosa. Sono persone che serenamente svolgono la loro professione per amore e danno il loro meglio attraverso la professione”.

La conferma

Sul possibile inizio di un ciclo con Gattuso, De Laurentiis replica: “C’è bisogno di sottolinearlo? Scrivete ciò che volete. Avete visto il Sassuolo, quanti gol ha fatto quel Caputo a 32 anni? Bisogna essere umili, non cercare sempre nomi e proclami che si riversano sempre contro, non sia mai succede qualcosa…”. Sul ritiro a Castel di Sangro, De Laurentiis annuncia: “Ci sarà un milione e mezzo di napoletani che si muoverà, perchè siamo vicini sia a Napoli che a Roma”. Sul perchè sembra antipatico e sgarbato, il presidente del Napoli dice: “Il ruolo di antipatico mi si addice. Ma la mia antipatia è una capacità di sintesi che a molti non piace. Ma d’altronde a Napoli ci sono ancora i Borbone. Io vengo dal cinema è ho la capacità di sintesi ed a volte sembro sgarbato perchè devo tagliare corto. In realtà io vi amo tutti. Sono molto incasinato fino a giovedì, ma sono aperto a fare un incontro con voi per parlare di mercato. Ora però voi dovete aiutarmi a valorizzare questo evento a Castel Di Sangro”.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome