Italia-Slovenia, Mattarella: “La storia non si cancella”

Le dichiarazioni del presidente della Repubblica

Foto Roberto Monaldo / LaPresse in foto Sergio Mattarella

ROMA“La storia non si cancella e il dolore non si dimentica. O si coltiva il rancore o se ne fa patrimonio comune nel ricordo e nel rispetto, coltivando un’amicizia comune. Sloveni e italiani sono decisamente per la seconda strada rivolta verso il futuro”. Così il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella insieme al suo omologo sloveno Borut Pahor a Trieste nel centenario dell’incendio del Narodni Dom. “Oggi qui a Trieste segnamo una tappa importante nel dialogo tra le culture che contrassegnano queste aree di confine e che rendono queste aree di confine preziose per la vita d’Europa”. Uno sguardo comune verso il futuro “al di qua e al di là della frontiera, il cui significato di separazione è ormai per fortuna superato per effetto della comune scelta di integrazione nella Ue, al di qua e al di là dei confini italiani. In nome dei valori oggi comuni: libertà, democrazia, pace”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome