Regeni, Di Maio: “La verità è un presupposto imprescindibile per i rapporti con l’Egitto”

"Il raggiungimento della verità è presupposto imprescindibile per il pieno sviluppo dei rapporti con Egitto". Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in audizione in commissione d'inchiesta sulla morte di Giulio Regeni.

(AP Photo/Riccardo De Luca)

ROMA – “Il raggiungimento della verità è presupposto imprescindibile per il pieno sviluppo dei rapporti con Egitto”. Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in audizione in commissione d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni. “Oggi i rapporti commerciali con il Cairo sono depotenziati”, ha sottolineato.  “L’arrivo al Cairo del nostro ambasciatore ha portato a passi in avanti. Innanzi tutto il costituirsi parte civile della famiglia Regeni, risultato mai raggiunto mentre il nostro ambasciatore non era al Cairo. Abbiamo condotto un’azione continua e insistente. Non ci possono essere cali di tensione su questa vicenda”. “L’obiettivo è far incontrare le due Procure (di Roma e del Cairo, ndr) dal vivo, questo è il nostro prossimo obiettivo. Incontro che deve far progredire l’inchiesta. C’è un percorso che portiamo avanti come Governo, non dobbiamo lasciare soli i nostri inquirenti. Le istituzioni europee devono essere coinvolte molto di più, devono sentirsi coinvolte molto di più perché Giulio oltre a essere un cittadino italiano era un cittadino europeo”.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome