Twitter, maxi attacco degli hacker: nel mirino anche Obama e Biden. Dorsey: “Giornata difficile”

Gli hacker non hanno risparmiato neanche il rapper Kanye West e la star dei social Kim Kardashian. Sui loro profili sono apparsi dei falsi tweet

Foto LaPresse - Stefano Porta 09/05/2017 Rho Pero Milano ( Ita ) Cronaca l'Ex Presidente degli Stati Uniti Barack Obama durante l'intervento a Seeds and Chips in Fiera

MILANO – Il più grande attacco hacker mai registrato nella storia di Twitter ha colpito nella notte il social media fondato da Jack Dorsey e tanto amato da star e politici. Un duro colpo all’immagine della piattaforma che ha visto crollare le sue azioni in borsa e la fiducia degli utenti. E’ stata una “giornata difficile”, ha ammesso il Ceo, già vittima di un attacco hacker sul suo profilo personale, “stiamo diagnosticando” il problema. E “condivideremo tutto ciò che sappiamo”, quando avremo chiaro il quadro.

A essere colpiti sono stati i profili verificati di politici del calibro dell’ex presidente degli Usa Barack Obama, del suo vice e candidato democratico alle prossime presidenziali 2020, Joe Biden. E di imprenditori e miliardari come Mike Bloomberg, Jeff Bezos, Bill Gates e il fondatore di Tesla Elon Musk. Gli hacker non hanno risparmiato neanche il rapper Kanye West e la star dei social Kim Kardashian. Sui loro profili sono apparsi dei falsi tweet che invitavano gli utenti a effettuare dei versamenti in Bitcoin.

Attacco hacker a Twitter

Secondo le prime ricostruzioni gli hacker si sarebbero intrufolati nei profili privati degli utenti dopo aver preso di mira gli account di alcuni dipendenti della piattaforma. Gli esperti hanno riferito che la falla nella sicurezza del social media potrebbe avere conseguenze disastrose perché gli aggressori sono riusciti a twittare da account verificati e molto influenti a livello globale che contano milioni di follower. Twitter si è subito attivata eliminando i post e bloccando il profilo degli utenti verificati impedendogli di inviare tweet per diverse ore mentre erano in corso le indagini per capire le modalità e la fonte dell’attacco. La società si è affrettata a comunicare di aver fatto passi avanti significativi per limitare l’accesso ai sistemi e agli strumenti interni.

Grave problema di sicurezza informatica

La creatura di Dorsey dovrà affrontare ora una dura battaglia per riguardagnare la fiducia del pubblico. Individuando la falla e dimostrando di aver risolto le sue vulnerabilità. “Se i principali dipendenti di Twitter sono stati ingannati, è un grave problema di sicurezza informatica”, ha commentato l’esperto Michael Gazeley, amministratore delegato della società di sicurezza informatica Network Box, “Come può una delle piattaforme più utilizzate al mondo avere una sicurezza così debole, dal punto di vista umano?”. Ad allarmare è soprattutto il calibro degli utenti che pubblicano contenuti sul social: sempre più leader mondiali comunicano via Twitter. Primo fra tutti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che pubblica quotidianamente post su questioni nazionale e geopolitiche di massima importanza. Ed è seguito da media, analisti e governi di tutto il mondo.

(LaPresse/AP)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome