Catania, atti illeciti: 4 misure cautelari, azienda sotto sequestro

Operazione della Guardia di Finanza

MILANO – Su delega della procura catanese, i finanzieri del Comando provinciale di Catania hanno dato esecuzione a un provvedimento emesso dal gip del tribunale etneo di misure cautelari personali nei confronti di quattro persone e di sequestro preventivo di un complesso aziendale in relazione al fallimento della ‘Do.Si.An. Srl’, società di Pedara (CT) attiva nel settore degli impianti telefonici.

In particolare, le Fiamme gialle hanno condotto agli arresti domiciliari Alfonso Croazzo, 74 anni, Antonio Alfio Messina, 32, e Silvestro Zingale, 29 anni, ed eseguito la misura interdittiva del divieto per un anno di esercitare attività d’impresa per Antonino Zingale, 51 anni, e sottoposto a sequestro preventivo l’azienda ‘Catania Impianti Srl’, quattro appartamenti e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di circa 1,4 milioni di euro.

L’indagine, eseguita dalla Gdf di Acireale, ha permesso di portare alla luce “una serie di sistematici atti illeciti compiuti dagli amministratori e dai soci della ‘Do.Si.An. Srl’, al solo fine di appropriarsi indebitamente delle risorse economiche aziendali utili a soddisfare i creditori, tra cui principalmente l’Erario, che vanta una pretesa complessiva di circa 7,5 milioni di euro”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome