Calcio, Atalanta-Inter vale il 2° posto. Conte e Gasp: “Chiudere bene la Serie A”

Foto Alfredo Falcone - LaPresse Nella foto: Antonio Conte

TORINO – Inter e Atalanta, a voi due. Gli scherzi del calendario regalano all’ultimo atto la sfida tra le due rivali nella lotta per il secondo posto, con la Lazio terza spettatrice interessata e pronta a superare entrambe al fotofinish in caso di segno X e di contemporaneo successo al San Paolo contro il Napoli. Il titolo è sfumato, ma le motivazioni sono comunque alte. Non fosse altro perché tra una seconda e la quarta piazza ballano una quindicina di milioni come premio. Oltre al prestigio di chiudere dietro alla Juventus scudettata.

“Mi auguro che sarà una bella partita. Si giocherà a viso aperto, senza calcoli. L’Atalanta è una squadra che è diventata una realtà consolidata in Italia, visto il percorso degli ultimi anni – ha sottolineato Antonio Conte presentando la gara ai microfoni del canale del club – Inoltre sono ai quarti di Champions League. Ci sarà da soffrire, ma l’obiettivo è quello di far soffrire loro”. Nella partita del Gewiss Stadium andrà in scena anche la sfida tra la retroguardia meno battuta e il miglior attacco del campionato.

“L’Atalanta ha segnato tantissimi gol, segnano consecutivamente da più di 20 partite, hanno grandi meriti e giocatori di qualità – ha ricordato – Noi siamo la miglior difesa e il secondo miglior attacco. Sarà una sfida nella sfida, dove speriamo di prevalere”. Per Handanovic e compagni incombe l’Europa League e la sfida contro il Getafe – in programma mercoledì a Gelsenkirchen – ma Conte ci tiene a finire bene il campionato. “Ci vogliamo misurare per vedere a che punto siamo arrivati – ha assicurato – Cosa mi porto dentro da questa esperienza strana causata dall’emergenza Covid? È stata sicuramente un’annata molto impegnativa, ha portato tanta fatica. Si è trattato di una situazione nuova, ci sono comunque degli aspetti positivi dei quali si potrà far tesoro in futuro”.

Rispetto ai nerazzurri per la ‘Dea’ l’impegno in Europa è un po’ più lontano: Gomez e soci hanno già strappato il biglietto per i quarti a Lisbona dove se la vedranno – il 12 agosto – contro i campioni di Francia del Psg. “Alla Champions penseremo dopo, adesso c’è da chiudere il campionato – sentenzia Gasperini sulla falsariga del suo collega – Dobbiamo mantenere la concentrazione per fare una grande partita. Arrivare davanti sarebbe un risultato di grandissimo prestigio”. Nonché un nuovo incredibile primato per l’Atalanta dei record. (LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome