Calcio Milan, Pioli: “Continuità da consolidare anche nella prossima stagione”

La continuità di prestazioni "dev'essere il nostro filo conduttore nella prossima stagione. Avremo poca pausa. Abbiamo lavorato tanto per trovare questa continuità e questa filosofia di gioco, questa stagione ci deve servire per consolidarla nella prossima".

Foto LaPresse - Tano Pecoraro

MILANO – La continuità di prestazioni “dev’essere il nostro filo conduttore nella prossima stagione. Avremo poca pausa. Abbiamo lavorato tanto per trovare questa continuità e questa filosofia di gioco, questa stagione ci deve servire per consolidarla nella prossima”. Così Stefano Pioli, allenatore del Milan, alla vigilia della sfida casalinga con il Cagliari, ultimo impegno della stagione. “Creare una mentalità è l’aspetto più importante, complicato e più lungo nel tempo. Ci siamo riusciti e anche in tempi non eccessivi. Questa mentalità deve essere la base su cui lavorare e crescere nella prossima stagione”, ha spiegato il tecnico in conferenza stampa. “Se mi dispiace che sia finita la stagione? Sì, onestamente mi dispiace. I ragazzi hanno dato tutto quello che avevano e hanno bisogno di riposare. Qui c’è grande sintonia tra di noi, uno stare bene insieme, c’è voglia di lavorare e questo gratifica il nostro lavoro e il modo di stare insieme. Ma – ha aggiunto il mister rossonero – ritroverò tutto questo quando riprenderemo la prossima stagione”.

L’ambizione

“Se il Milan meritava di più del sesto posto? Abbiamo fatto un 2020 eccellente, però non è finita. Dobbiamo finire bene e consolidare la nostra classifica e fare punti anche domani sera. So che siamo stanchi sia mentalmente che mentalmente e che la posizione in classifica non la cambieremo, ma abbiamo il dovere di fare bene anche domani. Quello che non abbiamo raggiunto quest’anno dobbiamo raggiungerlo l’anno prossimo, il sesto posto non sarà il nostro obiettivo, ma qualcosa di più importante”, ha spiegato il tecnico in conferenza stampa. “I giocatori dicono che il Milan è questo? Se dicono così, io mi fido di loro, l’importante è che ne siamo tutti convinti. Il Milan deve lottare per tornare in Champions. Abbiamo prestigio, storia, gloria, tifosi fantastici. Dobbiamo puntare a quello l’anno prossimo. Ma – ha aggiunto il mister rossonero – si riparte da zero, per questo dovremo lavorare tanto e bene e dimostrare che abbiamo queste qualità”.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome