Dl Sicurezza, M5S compatto: accolte le nostre richieste. Ora l’Europa faccia la sua parte sui migranti

Trovata l'intesa sulle modifiche ai decreti Sicurezza e alle politiche di contrasto all'immigrazione clandestina

Foto Vincenzo Livieri / LaPresse in foto Vito Crimi

ROMA – C’è soddisfazione nel Movimento 5 Stelle, dopo il vertice di maggioranza con la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, sulle modifiche ai decreti Sicurezza e sulle politiche di contrasto all’immigrazione clandestina. I pentastellati, che hanno partecipato con il presidente della commissione Affari costituzionali della Camera, Giuseppe Brescia, e la capogruppo nell’organismo parlamentare, Vittoria Baldino, hanno dimostrato compattezza, portando a casa tutte le richieste avanzate. Tra queste ci sono le multe alle ong davvero applicabili: da 10mila a 50mila euro. E ancora, il rafforzamento della protezione speciale e il no al ritorno alla protezione umanitaria; la chiusura dei grandi centri di accoglienza e promozione del modello dell’accoglienza diffusa.

M5S compatto

“Non un mero ripristino dello Sprar, ma una riforma ambiziosa per garantire ordine e integrazione”, fanno sapere i Cinque stelle. Poi, la trasparenza sulla gestione dell’accoglienza con report mensili sul sito del Viminale su presenze nei centri e costi e il miglioramento delle condizioni dei centri di permanenza dei rimpatri. Durata del trattenimento legata all’effettiva possibilità di rimpatriare i trattenuti. Un fattore che incentiverà gli accordi per i rimpatri. Il via libera alla nuova intesa dovrebbe arrivare a settembre.

Migranti, l’Europa faccia la sua parte

È giusto ora sentire Regioni ed enti locali. Serve condivisione per la gestione di questo fenomeno sui territori. Dal decreto ci aspettiamo una riforma del sistema dell’accoglienza che assicuri ordine e integrazione. Il Movimento 5 Stelle si è presentato unito a questa sfida. Ci aspettiamo ora che anche l’Europa faccia la sua parte”. Lo dichiarano Giuseppe Brescia, presidente della commissione Affari costituzionali della Camera, e Vittoria Baldino, capogruppo M5S in Affari costituzionali, che ieri hanno preso parte al vertice di maggioranza con la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, durante il quale è stata trovata l’intesa sulle modifiche ai decreti Sicurezza e alle politiche di contrasto all’immigrazione clandestina.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome