Libano, il governo dichiara lo stato d’emergenza per due settimane

Una delle ipotesi delle esplosioni che hanno ucciso più di 100 persone è la negligenza nella gestione dei depositi al porto

EDS NOTE: GRAPHIC CONTENT - Civilians carry a victim at the explosion scene that hit the seaport, in Beirut, Lebanon, Tuesday, Aug. 4, 2020. Massive explosions rocked downtown Beirut on Tuesday, flattening much of the port, damaging buildings and blowing out windows and doors as a giant mushroom cloud rose above the capital. Witnesses saw many people injured by flying glass and debris. (AP Photo/Hussein Malla)

TORINO – Il governo libanese ha dichiarato lo stato d’emergenza per due settimane. Dando ai militari pieni poteri per questo periodo, a seguito della massiccia esplosione a Beirut. L’esecutivo ha annunciato la misura durante una riunione. In cui ha anche informato che vari funzionari portuali vengono messi agli arresti domiciliari in attesa di un’indagine su come 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio siano rimaste immagazzinate nel porto per anni. Una delle ipotesi delle esplosioni che hanno ucciso più di 100 persone è la negligenza nella gestione dei depositi al porto.

(LaPresse/AP)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome