Decreto Agosto, proroga dello stop ai licenziamenti e sgravi. Oggi il Consiglio dei Ministri

Sbloccato il principale nodo in maggioranza. Anche sgravi fiscali per chi assume

Foto Roberto Monaldo / LaPresse in foto Giuseppe Conte

MILANO – Fumata bianca: dopo due giorni di vertici a palazzo Chigi e un duro scontro tra Confindustria e sindacati, arriva l’intesa nel governo sulla proroga dello stop ai licenziamenti da inserire nel decreto agosto. Sbloccato il principale nodo, i tecnici hanno rimesso mano alla bozza del decreto atteso oggi in Cdm intorno, in cui non dovrebbe esserci l’atteso cashback per chi consuma al ristorante e paga con moneta elettronica.

La sintesi sul lavoro è in un meccanismo piuttosto complesso e prevede una deadline ‘variabile’ per il blocco dei licenziamenti. Il decreto agosto prevede la possibilità di ulteriori 18 settimane di Cig (9 con possibilità di rinnovo per altre 9, ma con un contributo da parte delle aziende su due scaglioni in base al calo di fatturato), anche non consecutive, a partire dal 13 luglio. Da lì, contando 18 settimane, si arriva al 15 novembre.

E’ questo il termine entro cui un’azienda può chiedere tutte o solo alcune settimane di Cig e, dunque, entro il quale i licenziamenti sono bloccati. In alternativa le imprese potranno usufruire di 4 mesi di sgravio al 100% a partire da settembre, sempre con l’impossibilità di licenziare per tutto il periodo e, quindi, fino al 31 dicembre. I due strumenti possono essere anche combinati, ovvero utilizzare una parte di cassa integrazione e una parte di sgravi.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome