Dl agosto, Gualtieri: “Non solo bonus, punta su lavoro e investimenti”

Le parole del ministro dell'Economia

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse Nella foto: Roberto Gualtieri

MILANO – “Un anno fa lo spread era alle stelle e si parlava di Italexit. Oggi è chiaro a tutti che la scelta di dare vita a questa maggioranza è stata un bene per l’Italia e che il governo guidato da Conte, che ha saputo gestire con efficacia una crisi senza precedenti e ha contribuito in misura rilevante allo storico accordo europeo, può completare la legislatura non solo con l’orgoglio di aver salvato il paese da una deriva drammatica e pericolosa ma con l’ambizione di cambiarlo in profondità”. Così Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia, traccia in un’intervista a Repubblica un bilancio dopo aver varato il decreto Agosto, con un’ulteriore dotazione anticrisi da 25 miliardi. E per il futuro assicura: “Il prossimo anno taglieremo l’Irpef”.

Quest’ultimo decreto “è chiaro, siamo ancora nell’emergenza e dobbiamo fronteggiarla al meglio con tutti gli strumenti disponibili. Ma stiamo già passando a quella che sarà la fase cruciale del nostro impegno, quello che ci siamo assunti un anno fa: cambiare il Paese, intervenire in maniera incisiva e strutturale per rimuovere ingiustizie e arretratezze. La misura di decontribuzione per il Sud significa anche e soprattutto questo. Andiamo oltre l’emergenza Covid, affrontiamo nodi e problemi di fondo del nostro Paese”.

Saranno sufficienti per frenare la recessione? “Quella di contrastare i pesanti effetti economici del Covid-19 con un forte intervento anticiclico in deficit è una strategia giusta, che abbiamo definito in modo condiviso a livello europeo e internazionale – afferma Gualtieri -. Senza questi interventi la crisi avrebbe avuto conseguenze economiche e sociali insostenibili che avrebbero compromesso la possibilità di una ripartenza che invece è in corso”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome