Libano, media: “Negli scontri a Beirut almeno 728 feriti”

Come riporta l'emittente araba Jazeera, un ufficiale di polizia è stato ucciso

Riot police advance to push back anti-government protesters, during a protest against the political elites who have ruled the country for decades, in Beirut, Lebanon, Friday, Aug. 7, 2020. (AP Photo/Hassan Ammar)

MILANO – Sono almeno 728 le persone rimaste ferite a Beirut durante gli scontri di ieri tra manifestanti e forze dell’ordine. Lo riferisce al Jazeera. Come riporta l’emittente araba, un ufficiale di polizia è stato ucciso.

I gas lacrimogeni annebbiano il centro di Beirut, fatto a pezzi dall’esplosione che martedì ha ucciso oltre 150 persone e ne ha ferite 6mila. Mentre ancora i soccorritori cercano decine di dispersi, le proteste popolari tornano a incendiare la città. Bersaglio: l’elite politica, accusata di corruzione e negligenza, nel mezzo di una crisi economica feroce che si trascina da anni. In piazza dei Martiri sono state allestite delle forche simboliche, ai cui capestri i manifestanti hanno appeso le sagome dei leader politici.

Migliaia le persone nelle strade, tra cui alcuni gruppi che hanno lanciato sassi e oggetti contro le forze di sicurezza e tentato di assaltare il Parlamento. Gli agenti hanno risposto sparando lacrimogeni e il bilancio è di almeno 140 dimostranti feriti, circa 40 portati in ospedale, secondo la Croce rossa. Un poliziotto è morto negli scontri, secondo i media locali.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome