Amazon, Google e i big Usa pronti ad assumere 100 mila newyorkesi tra le minoranze

La pandemia di coronavirus ha contribuito ad esacerbare la disuguaglianza nelle città degli Stati Uniti

Embargoed to 1800 Tuesday March 27 File photo dated 13/11/2017 of a staff make their way around the aisles collecting items before sending them to the on-site dispatch hall to be packaged inside one of Britain's largest Amazon warehouses in Dunfermline, Fife. Government could slash £46 billion a year from the cost of public services by borrowing modern business practices from cutting-edge companies like Amazon and Netflix, a new report has claimed. PRESS ASSOCIATION Photo. Issue date: Tuesday March 27, 2018. The gigantic potential saving amounts to more than 5% of total public sector spending and would be enough to fund over one million additional frontline workers like doctors, teachers and police officers. See PA story POLITICS Reform. Photo credit should read: Jane Barlow/PA Wire

MILANO – I ceo di Amazon, Jp Morgan, Microsoft, Google e altri per un totale di 27 società di New York hanno formato un gruppo che ha come obiettivo l’assunzione di 100.000 persone delle comunità meno rappresentate. I leader si sono riuniti nel New York Jobs ceo Council che assumerà entro il 2030 persone dalle comunità nere, latine e asiatiche a basso reddito. I co-presidenti della nuova organizzazione, spiega Cnbc, includono il ceo di JP Morgan Chase, Jamie Dimon, il ceo di Ibm, Arvind Krishna, e Julie Sweet, ceo di Accenture. Tra gli altri membri anche Jeff Bezos di Amazon, Satya Nadella di Microsoft, Sundar Pichai di Google e David Solomon di Goldman Sachs.

La pandemia di coronavirus ha contribuito ad esacerbare la disuguaglianza nelle città degli Stati Uniti, provocando maggiori perdite di posti di lavoro e peggiori risultati di salute per chi vive in quartieri a basso reddito. Quasi il 40% degli americani a basso reddito ha perso il lavoro dopo lo scoppio della pandemia, secondo quanto ha dichiarato la Federal Reserve a maggio.

2Molti newyorkesi sono bloccati in lavori a bassa retribuzione che potrebbero essere persi in futuro o stanno lottando per navigare nel mercato del lavoro” durante la pandemia, ha detto Dimon secondo una nota. “Stiamo usando il nostro potere collettivo – ha continuato – per preparare la forza lavoro della città con le competenze del futuro e aiutare i newyorkesi che sono rimasti indietro a mettere piede nella porta”. La “nuova iniziativa svolgerà un ruolo importante nel collegare le comunità svantaggiate alle risorse necessarie per la carriera e l’accesso alle istituzioni educative di livello mondiale di New York”, ha dichiarato il governatore di New York Andrew M. Cuomo.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome