Caso Parisi, al via l’autopsia sul corpo di Viviana

La famiglia "nutre ancora la speranza di ritrovare Gioele vivo"

ROMA – E’ in corso autopsia sul corpo di Viviana Parisi, la dj di 43 anni di origini piemontesi ritrovata morta nel week end. L’esame in corso all’obitorio dell’ospedale ‘Papardo’ di Messina servirà a chiarire le cause e l’orario della morte della donna. La famiglia ha intanto nominato due legali per rappresentarla – gli avvocati Pietro Venuti e Claudio Mondello – e un proprio consulente, la dottoressa Pina Certo. La Procura di Patti ha, invece, nominato come periti il medico legale Elena Ventura Spagnolo e la professoressa Daniela Sapienza.

La speranza di trovare Gioele vivo

La famiglia “nutre ancora la speranza di ritrovare Gioele vivo”. E’ quanto riferisce a LaPresse Pietro Venturi, il legale della famiglia di Viviana Parisi, la dj trovata morta nei boschi di sant’Agata di Militello (Messina). “certamente – prosegue l’avvocato – più passano le ore e più diminuiscono le possibilità, viste anche le condizioni atmosferiche proibitive”. Al momento è in corso l’autopsia sul corpo della donna che dovrà stabilire l’ora della morta e le cause, che potrebbero indirizzare verso altre piste.

Le dichiarazioni dell’avvocato

Viviana Parisi “aveva dei problemi, ma non voglio lasciare dichiarazioni sul suo stato di salute. Sembra che il periodo del Covid l’abbia profondamente sconvolta.Sembra che volesse andare in un determinato punto, a Caronia, ma non ne conosco il motivo”. Così l’avvocato Pietro Venuti, legale di Daniele Mondello, marito di Viviana Parisi, parlando alle telecamere mentre è in corso l’autopsia sul corpo della dj 43enne. “Anche il marito vuole sapere la verità come tutti. Lui è distrutto dalla vicenda: ha perso la moglie e suo figlio non è stato ancora trovato – ha aggiunto il penalista – Gli interrogativi sono tanti. Il fatto che la donna ha camminato tanto dopo l’incidente e non è scattato subito un accertamento. E’ stata trovata in un posto che era già stata battuto nei giorni precedenti. E non sappiamo se l’incidente è avvenuto prima o dopo la scomparsa del bambino”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome