Napoli, due arresti per usura ed estorsione con metodo mafioso

L'operazione della Guardia di Finanza

Foto LaPresse - Marco Cantile

MILANO – Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito tra Pompei (Na) e Castellammare di Stabia (Na), un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli. Su richiesta e coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea. Nei confronti di 3 soggetti, indagati per usura, estorsione e lesioni personali aggravati dal ‘metodo mafioso’.

Il provvedimento rappresenta l’epilogo di una complessa indagine condotta dai finanzieri del gruppo di Torre Annunziata e della compagnia di Castellammare di Stabia. Che ha tratto origine dall’approfondimento di alcune operazioni finanziarie anomale e che è stata ulteriormente sviluppata a seguito di denunce presentate da un nucleo familiare di imprenditori stabiesi operanti nel campo del turismo e della ristorazione. Incapaci di far fronte alle ingenti pretese usurarie dei loro carnefici, soprattutto a seguito dell’inasprirsi della crisi economica dettata dall’emergenza sanitaria, tuttora in atto.

In particolare, sulla base delle risultanze emerse nell’ambito delle indagini, condotte mediante intercettazioni telefoniche, ambientali, escussioni testimoniali e l’esame dei sistemi di videosorveglianza comunali e privati, le Fiamme Gialle hanno ricostruito un circostanziato quadro indiziario a dimostrazione dell’illecita attività usuraria. Posta in essere sin dal 2011 da Esposito Nicola (detto ‘o’ mostr’), leader pro tempore indiscusso del ‘clan Cesarano’ e attualmente recluso al ’41 bis’. Che avrebbe prestato all’imprenditoredenunciante circa 550.000 euro in contanti richiedendone il pagamento di interessi annui pari al 120% del capitale concesso. Dopo il suo arresto, avvenuto nel 2014, la riscossione delle rate mensili è stata effettuata e garantita da sua moglie, Cafiero Annunziata. Che si è avvalsa anche della collaborazione di un familiare, attualmente irreperibile.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome