Calcio Inter, Gagliardini: Shakhtar pericoloso, ci faremo trovare pronti

"Sarà una partita importante, difficile. Loro sono una squadra forte, che stiamo studiando. Dobbiamo prepararla bene come stiamo facendo e mettere in campo quello che ci chiede il mister”

Roberto Gagliardini e Alexis Sanchez (Foto Massimo Paolone/LaPresse)

MILANO – “Sarà una partita importante, difficile. Loro sono una squadra forte, che stiamo studiando. Dobbiamo prepararla bene come stiamo facendo e mettere in campo quello che ci chiede il mister”. Così Roberto Gagliardini, centrocampista dell’Inter, intervenuto ai microfoni di Sky Sport dal ritiro di Duisburg in Germania a pochi giorni dalla semifinale di Europa League contro lo Shakhtar Donetsk. Proprio sulla compagine ucraina, il mediano nerazzurro aggiunge: “Lo Shakhtar ha giocatori molto tecnici in fase offensiva, con qualità e palleggio. Anche in difesa sono forti, ma lunedì sapremo come fare”. L’Inter torna a giocare una semifinale europea dopo dieci anni, su come sta vivendo la squadra l’attesa. “Ora sono tutte finali, ogni gara è importantissima. Sappiamo che è tanto tempo che l’inter non fa gare di questo tipo, ma abbimao le carte in regole per giocarcela. Questa settimana di riposo ci sta facendo ricaricare le energie, ci stiamo preparando e ci faremo trovare pronti”, dichiara Gagliardini.

Sulla sua stagione, iniziata in sordina e andata in crescendo trovando sempre più spazio. “Ringrazio il mister per la fiducia che mi ha dato. Per via degli infortuni le scelte erano limitate, ma ora sto trovando continuità e spero di ricambiarlo nel migliore dei modi”, spiega. Su come sta vivendo questo momento Conte e cosa sta dicendo alla squadra, il centrocampista dell’Inter conclude: “Il mister lo conoscete tutti, sta preparando la partita con la solita grande cattiveria. E’ un osso duro e vede ogni partita in maniera intensa”. Infine Gagliardini ha parlato anche della sconfitta dell’Atalanta, sua ex squadra, contro il PSG in Champions League. “Mi spiace perché l’abbiamo vista qui in hotel. Hanno fatto una grande annata ma bisogna stare sul pezzo fino all’ultimo e non mollare mai. Poi sono anche gli episodi e le individualità degli avversari che possono determinare”, conclude Gagliardini.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome