Coronavirus, Speranza: “Non ci sarà un nuovo lockdown”

Le parole del ministro della Salute

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 01-04-2020 Roma Politica Senato - Informativa del ministro della Salute Roberto Speranza sull'emergenza Covid-19 Nella foto Roberto Speranza Photo Roberto Monaldo / LaPresse 01-04-2020 Rome (Italy) Senate - Report by Health minister Roberto Speranza on the Covid-19 emergency In the pic Roberto Speranza

MILANO – “Non ci sarà un nuovo lockdown”. Lo dice in un’intervista a La Stampa il ministro della Salute, Roberto Speranza. “Io sono ottimista – si sbilancia -, anche se prudente e cauto. Il nostro Servizio sanitario nazionale si è molto rafforzato. La situazione non è paragonabile a quella di febbraio-marzo, quando avevamo una curva di contagi fuori controllo e non avevamo un apparato pronto a tracciare e isolare i casi”.

Inoltre “abbiamo deciso il lockdown perché ad un certo punto abbiamo avuto la sensazione che andasse in collasso il servizio sanitario. In Italia avevamo cinquemila posti di terapia intensiva, ora sono raddoppiati. La valutazione mia e dei colleghi europei è che non avremo questa ricaduta, quanto più riusciremo a tenere in salvaguardia gli anziani e i più fragili”.

E se si moltiplicano i focolai? “Lo valuteremo. Per fare una zona rossa deve esplodere un territorio. E non lo vedo. Vedo una diffusione e non un’esplosione”. Insomma, c’è la presa d’atto che “siamo in fase di convivenza col virus prendendoci dei rischi, il tasso zero contagi non esiste. Per azzerarlo ci voleva un lockdown per altri 3-4 mesi. Dobbiamo controllarlo ed evitare rischi inutili”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome