Amatrice, una donna protesta: “Mio marito si è suicidato per la crisi post-terremoto”

Lei è una delle persone più colpite dal sisma di quattro anni fa ad Amatrice: suo marito si è suicidato, per la disperazione seguita alla crisi post-terremoto

Foto Mario Sabatini/ LaPresse 7-09-2016 Tino (RI) ItaliaCronaca Tino, frazione di Accumuli distrutta dal terremoto. Nella foto: Tino distrutta dal terremotoPhoto Mario Sabatini/ LaPresse 7-09-2016 Tino (RI) ItalyNewsTino, in the city of Amatrice, destroyed by the Quakein the pic: the ruins of Tino destroyed by the quake

ROMA – Lei è una delle persone più colpite dal sisma di quattro anni fa ad Amatrice: suo marito si è suicidato, per la disperazione seguita alla crisi post-terremoto. La sua vita è andata distrutta, la ricostruzione tarda a farsi vedere. La donna protesta, poco prima dell’inizio della cerimonia istituzionale nella cittadina, per ricordare le vittime del terremoto. “Mio marito si è impiccato, l’ho trovato io in casa”, racconta al premier Giuseppe Conte giunto ad Amatrice. Il primo cittadino Antonio Fontanella tenta di calmarla, sottolineando l’impegno per la ricostruzione, ma lei non ci sta: “Ci sentiamo amareggiati”, dice. Il premier ascolta e promette alla donna: “Verrò a trovarla a casa sua”, terminata la commemorazione

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome