Referendum, Di Maio: “Il taglio non è antipolitica, va rispettato il patto di Zingaretti”

Le parole dell'esponente del Movimento 5 Stelle

Foto Michael Kappeler / Pool via AP in foto Luigi Di Maio

MILANO – “A ragion di logica dovrebbero esserlo tutte le forze politiche che lo hanno votato in Parlamento. Poi, per carità, se votano una cosa pensandone un’altra è un problema loro e un dato che gli italiani dovrebbero prendere in considerazione”. Così Luigi Di Maio del Movimento 5 Stelle in un’intervista al Corriere della Sera.

“Sulla legge elettorale noi siamo d’accordo – spiega -. Il governo l’ho formato io insieme a Zingaretti e c’era un patto, far viaggiare le due cose parallelamente. Per noi quel patto va rispettato. Siamo pronti a votare una nuova legge elettorale già prima della fine dell’estate. Questa è la nostra posizione, ribadita ieri anche da Vito Crimi. È limpida, cristallina, quindi se c’è qualcuno che frena non siamo certo noi. Insomma, qualsiasi intoppo se c’è, come dice il Pd, va cercato altrove, non nel M5S”.

Poi aggiunge: “Anche il Pd ha votato la riduzione di 345 parlamentari e io ho fiducia nelle forze di governo. Dopodiché, ad esprimersi saranno gli italiani, quel che chiedo è che tutti coloro che hanno votato quella riforma si sentano in dovere di combattere le fake news che stanno girando in questi giorni. Sia chiaro: questa non è una riforma del M5S, ma di tutti. Se ne parla da 30 anni ed è ora di cambiare passo”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome