Borsa, Asia contrastata dopo i dati della Cina: tassi d’Australia invariati

La Borsa di Shanghai procede piatta con +0,08%, Hong Kong +0,11%, Sidney -1,45%, Seoul +1,05%

La Borsa asiatica (AP Photo/Ahn Young-joon)

MILANO – Borse asiatiche contrastate, dopo la diffusione dell’indice Pmi manifatturiero della Cina stilato congiuntamente dalle società Caixin e Markit, relativo al mese di agosto. La Borsa di Shanghai procede piatta con +0,08%, Hong Kong +0,11%, Sidney -1,45%, Seoul +1,05%.

Dopo la diffusione del dato cinese, lo yuan cinese onshore si è rafforzato sul dollaro a 6,8193 per dollaro, rispetto ai livelli superiori a 6,84 nella sessione della vigilia. Lo yuan offshore è stato scambiato a 6,8202 per dollaro. I livelli delo yuan sono i più alti da inizio anno.

Novità anche dall’Australia, con la RBA (Reserve Bank of Australia, banca centrale del paese), che ha annunciato di aver lasciato i tassi principali di riferimento invariati allo 0,25%. Lasciato allo 0,25% anche il target sui rendimenti dei bond a tre anni. Nel comunicato si legge che il target rimarrà in vigore fino a quando non ci saranno stati progressi sul fronte dell’occupazione e dell’inflazione.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome