Dischetti struccanti lavabili: così risparmi 50 euro l’anno

Di quelli in cotone se ne usano circa 25 confezioni da 70 pezzi con un prezzo medio di 65 euro, la versione ‘eco’ ne costa solo 10: non finiscono subito nella pattumiera e puoi usarli mille volte

Sono colorati, morbidi e rigorosamente ecologici. Parliamo dei dischetti struccanti lavabili, una vera e propria rivoluzione per le tasche e soprattutto per il pianeta. In commercio ce ne sono di molti tipi, di materiali diversi, a seconda delle esigenze.

Quanto cotone nella pattumiera

E’ un’operazione noiosa, che le donne fanno ogni sera prima di andare a letto. Struccarsi è come lavare i denti, non si riesce a dormire se non si completa perfettamente tutta la routine. Chi ha un cestino per raccogliere la spazzatura nel bagno, o accanto alla toletta per il trucco, se ne accorge con più facilità: ogni sera finiscono nella spazzatura almeno 6 dischetti di cotone. Con questi ritmi in una settimana il cestino è colmo, con quasi 50 dischetti raccolti. Pensate a questa operazione ripetuta ogni settimana, ogni mese, ogni anno, per decenni. Una quantità infinita di cotone che viene usata per meno di un minuto prima di finire nel ciclo della raccolta differenziata e rimanere ferma nelle discariche per decenni. Già. Perché anche se sono fatti al 100% in puro cotone, i dischetti struccanti vengono a contatto con prodotti cosmetici come trucco, smalto e levasmalto. Ecco perché vanno smaltiti nella frazione indifferenziata dei rifiuti.

Non gettarli nel water: danneggiano le fogne

I dischetti struccanti e i cotton fioc rappresentano una minaccia importante per il sistema fognario. Per questo vanno assolutamente smaltiti in maniera adeguata. Si tratta di oggetti non biodegradabili, per questo motivo, raggiunte grosse quantità, si ammassano e cominciano a depositarsi nelle fogne creando molto spesso degli ostacoli al corretto flusso del ciclo fognario. Per questo devono finire nel ciclo dei rifiuti, nel bidone dell’indifferenziata.

Le coltivazioni e lo spreco d’acqua

Non bisogna dimenticare che la coltivazione del cotone richiede moltissima acqua, e quindi contribuisce allo spreco di risorse. Più dischetti compriamo più acqua sprechiamo. Secondo i dati forniti da Cotton Council International (Cci), associazione no-profit che promuove la fibra di cotone americana, sono necessari circa 2,25 metri cubi di acqua per ogni chilogrammo di fibra di cotone prodotta. Bisogna tener conto poi degli altri fattori inquinanti come l’energia per produrre il cotone, il carburante utilizzato dall’attrezzatura agricola e i fertilizzanti

L’alternativa ecologica

Come fare per evitare che tutto questo cotone finisca nella pattumiera e che l’energia vada sprecata? Il mondo green ci aiuta con un’alternativa semplice ed economica. I dischetti lavabili. A differenza di quelli usa e getta sono destinati a durare nel tempo. Sono realizzati in diversi materiali come cotone organico, bambù o altre fibre vegetali. Vengono utilizzati e poi lavati in lavatrice. Invece di acquistare ogni volta un pacco di dischetti struccanti, si possono conservare fino a quando non saranno distrutti, e per arrivare a questo punto servono diversi anni. Ogni disco può essere utilizzato in media fino a 300 volte, di fatto una confezione può durare anche 5 anni.

Il portafogli e il pianeta sorridono

I dischetti struccanti lavabili fanno anche risparmiare e molto. In media ogni donna usa circa 6 dischetti classici al giorno. Una confezione contiene 70 dischetti. In un anno servono in media 25 confezioni, che costano circa 2,50 euro l’una. Insomma si parla di una spesa totale di 62,5 euro. Una confezione di dischetti lavabili costa circa 10 euro e contiene 10 pezzi, che bastano a rimuovere il make-up anche per un lustro. In un anno si risparmiano 50 euro, ma se si considera che possono essere usati anche per più tempo il vantaggio economico è ancora maggiore.

Sei ancora più green con le spugne di mare

Quella dei dischetti lavabili non è la sola alternativa ecologica per rimuovere il make-up. Ci sono le spugnette di mare, ad esempio, che sono delle grandi alleate della cura della pelle perché sono delicate, ipoallergeniche, antisettiche, contengono iodio e hanno un effetto detossinante. Per utilizzarle basta inumidire la spugna sotto il getto dell’acqua, strizzare l’eccesso e versare qualche goccia dello struccante che preferisci, preferibilmente ecobio. Si passa la spugnetta su viso e occhi ed è fatta, la pelle è perfettamente pulita e senza irritazioni. La spugnetta poi va semplicemente sciacquata e fatta asciugare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome