Morto Daverio: saggista, critico e storico d’arte in tv

Philippe Daverio (foto Claudio Furlan / lapresse)

MILANO – E’ morto Philippe Daverio, saggista, critico e storico d’arte. Si è spento questa notte questa notte in un reparto dell’Istituto dei Tumori di Milano. La notizia è stata diramata dalla direttrice del Teatro Franco Parenti di Milano, Andree Ruth Shammah: “Mi ha scritto suo fratello stamattina – ha detto – per dirmi che Philippe è mancato stanotte”.

La carriera

Daverio era stato docente di storia dell’arte, saggista e conduttore televisivo, resosi famoso al grande pubblico grazie alla trasmissione Passepartout. Nato a Mulhouse, in Alsazia, il 17 ottobre 1949 da madre francese e padre italiano, si era trasferito in Italia per studiare presso l’università Bocconi di Milano. Abbandona gli studi per aprire la sua prima galleria a Milano nel periodo in cui si scopre editore e divulgatore dell’arte. “Io non sono dottore – spesso diceva – perché non mi sono laureato, ero iscritto alla Bocconi nel 1968-1969, in quegli anni si andava all’università per studiare e non per laurearsi”. Molte le pubblicazioni tra cui pubblicata da Rizzoli,  ‘Il museo immaginato’; ‘Il secolo lungo della modernità’; ‘Guardar lontano veder vicino’; ‘Il secolo spezzato delle avanguardie’. Inoltre i libri: ‘La buona strada’; ‘L’arte in tavola’ e ‘Il gioco della pittura’. Poi l’ultima sua opera nel 2019, ‘La mia Europa a piccoli passi’. Ha partecipato anche quale giurato del Premio Campiello, uno dei più prestigiosi premi letterari italiani.

L’insegnamento

Ha insegnato come docente di storia dell’arte a Milano presso la Iulm e in qualità di esperto di storia del design presso  Politecnico milanese ricoprendo poi l’incarico di professore ordinario di disegno industriale presso l’Università degli Studi di Palermo. Sempre in Sicilia aveva collaborato con Vittorio Sgarbi, in qualità di sindaco di Salemi, a diverse iniziative culturali e artistiche.

La Tv

Ha partecipato ad alcuni programmi televisivi a tema ‘arte’ in Rai: “Il Capitale di Philippe Daverio” e ‘Passepartout’. Spesso negli ultimi tempi è stato ospite di ‘Striscia la notizia’ su Canale5.

I commenti

Significativi i commenti alla morte di Daverio da parte del mondo della cultura: “Amico mio – ha scritto Shammah – il tuo silenzio per sempre è un urlo lancinante stamattina”, mentre Emanuele Fiano, ha commentato si Facebook: “Andree Ruth Shammah ci da purtroppo notizia della scomparsa di Philippe Daverio uomo di grande cultura, simpatia e umanità. Una grande perdita per Milano e per tutti. Sono molto addolorato per la sua scomparsa. Sia lieve a lui la terra”. Per Roberto Cenati dell’Anpi si tratta di “una gravissima perdita per il Paese, per Milano, per la cultura, per tutti noi”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome