Migranti,Faraone: “A Lampedusa vince il riformismo, perde il populismo”

“A Lampedusa finalmente qualcosa si muove e il merito va ad una comunità che non ha mai confuso la giusta e sacrosanta rivendicazione con la sterile propaganda"

Foto LaPresse - Guglielmo Mangiapane in foto il capogruppo di Italia Viva in Senato Davide Faraone

ROMA – “A Lampedusa finalmente qualcosa si muove e il merito va ad una comunità che non ha mai confuso la giusta e sacrosanta rivendicazione con la sterile propaganda. Non si è fatta tirare la giacchetta dai sovranisti che, guarda caso, adesso sono spariti dai radar. Zitti e mosca. Una comunità, di cui il sindaco Totò Martello si è fatto portavoce, senza mai scadere in toni da campagna elettorale”. Lo scrive su Facebook il presidente dei senatori di Italia Viva, Davide Faraone.

“È la differenza – aggiunge – tra il buonsenso e il populismo. Tra il riformismo che si occupa di risolvere i problemi e il sovranismo che agita paure ma non ha mai una ricetta per cambiare le cose. Anzi, su Lampedusa ha fatto di peggio, descrivendola come un lazzaretto, raccontando al mondo che i migranti infetti passeggiavano con i turisti, ha danneggiato una stagione turistica, l’economia dell’Isola, centinaia di imprenditori del settore e migliaia di posti di lavoro”.

“Noi ieri sera – continua Faraone – abbiamo ascoltato le giuste rivendicazioni e abbiamo predisposto un pacchetto di proposte, un decreto ad hoc, il Decreto Lampedusa. Misure di sostegno che vanno nella direzione giusta. Ci sono innanzitutto alcune agevolazioni fiscali importanti per i cittadini: il testo infatti prevede, per i soggetti che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio del Comune di Lampedusa e Linosa, la sospensione fino al 21 dicembre dei versamenti dei tributi nonché dei contributi previdenziali ed assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali. Intanto sono iniziate le operazioni di demolizione e rimozione delle carrette del mare al molo Favaloro e inizierà lo svuotamento del centro di accoglienza. Infine lo Stato ha garantito maggiore sorveglianza delle coste”.

“Viva Lampedusa. Viva il buonsenso, abbasso la demagogia”, conclude.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome