Coronavirus, Bill Gates: “Il vaccino non è una questione politica come si percepisce da Trump”

Per l'imprenditore il tycoon sbaglia

Bill Gates ( LaPresse)

MILANO – L’amministrazione Usa “non collabora con l’Oms. Sono in disaccordo, lo considero un errore, partecipo a discussioni intense per fare in modo che i soldi ci siano. Se non avverrà sarà increscioso, ma il resto del mondo dovrà farsi avanti, perché il ritorno economico è enorme. L’idea che l’investimento su un rimedio, che costa 6 dollari per le due dosi necessarie, sia bloccato perché gli Usa si comportano in modo singolare non ha senso. Le discussioni con gli europei sono avanzate, il vaccino sarà finanziato”. Così in un’intervista a La Stampa Bill Gates. Secondo l’imprenditore e filantropo Usa “non è una questione politica. È increscioso che molte dichiarazioni di Trump l’abbiano fatta percepire così, ma l’annuncio dei 9 ceo è stato appropriato”, afferma riferendosi ai ceo di 9 aziende farmaceutiche si sono impegnati a distribuire un vaccino solo se sicuro.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome