Le celebrità contro Facebook: profili congelati per un giorno

Star e influencer di Hollywood stanno dando il loro sostegno all'ultima campagna del movimento #StopHateforProfit che chiede agli utenti di postare un messaggio con cui spiegano i motivi di adesione all'iniziativa e, poi, di non pubblicare più nulla per 24 ore su Facebook e Instagram

Evening Celebrating 50 years Of Carerra by Tag Heuer In Pavillon VendomeLeonardo DiCaprio LaPresseOnly Italy

LONDRA – Profili social ‘congelati’ per 24 ore per protestare contro l’incapacità dei social network di affrontare e gestire i contenuti d’odio e di violenza e la disinformazione elettorale. Non si tratta di account normali, ma di quelli di celebrità del calibro di Kim Kardashian West, Katy Perry e Leonardo DiCaprio. Star e influencer di Hollywood stanno dando il loro sostegno all’ultima campagna del movimento #StopHateforProfit che chiede agli utenti di postare un messaggio con cui spiegano i motivi di adesione all’iniziativa. E, poi, di non pubblicare più nulla per 24 ore su Facebook e Instagram.

Le celebrità contro Facebook

“Non posso sedermi e rimanere in silenzio mentre queste piattaforme continuano a consentire la diffusione di odio, propaganda e disinformazione – creati da gruppi per dividere l’America – e a prendere provvedimenti solo dopo che le persone sono state uccise”, ha scritto su Instagram Kim Kardashian. Facebook ha rifiutato di commentare. Ma ha sottolineato i recenti annunci su ciò che sta facendo per limitare la portata sulla sua piattaforma di gruppi che supportano la violenza e i suoi sforzi per proteggere le elezioni statunitensi di novembre.

Le accuse

Con 188 milioni di follower, Kardashian West è una delle persone più influenti su Instagram e il sostegno suo e di altri grandi nomi al boicottaggio ha visto le azioni di Facebook scivolare in Borsa. Gli organizzatori di #StopHateforProfit, fra i quali gruppi per i diritti civili come Anti-Defamation League, NAACP e Color Of Change, avevano già in precedenza condotto una campagna che aveva portato centinaia di marchi e organizzazioni no-profit ad unirsi a un boicottaggio pubblicitario su Facebook a luglio. Ashton Kutcher, Mark Ruffalo, Kerry Washington, Rosario Dawson, Jamie Foxx e Sacha Baron Cohen sono o solo alcune delle star a sostenere l’iniziativa. DiCaprio ha spiegato di essere dalla parte dei gruppi per i diritti civili nel chiedere a “tutti gli utenti di Instagram e Facebook di protestare contro l’amplificazione dell’odio, il razzismo e l’indebolimento della democrazia su quelle piattaforme”.

(LaPresse/AP)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome