Perugia, traffico di droga: misure cautelari per 12 persone

Sono state applicate delle misure cautelari nei confronti di 12 persone, in gran parte di origine africana, accusate di traffico di stupefacenti, in particolare hashish e marijuana

Ufficio Stampa Polizia di Stato / LaPresse

PERUGIA – Sono state applicate delle misure cautelari nei confronti di 12 persone, in gran parte di origine africana, accusate di traffico di stupefacenti, in particolare hashish e marijuana. Un uomo del Mali, considerato quello presso cui gli indagati si rifornivano della droga, si trova ora in carcere. Per due persone, considerate i leader del gruppo, è scattato l’obbligo di dimora e di firma agli uffici di polizia. Solo obbligo di firma, invece, per altri 9 indagati coinvolti nel trasporto e nella vendita degli stupefacenti. Secondo gli investigatori il gruppo, composto per lo più da giovani originari della regione sub-sahariana in Italia come richiedenti asilo, era attivo a Perugia dal secondo semestre del 2019. La droga veniva acquistata a Roma e veniva trasportata in Umbria da giovani, tra cui anche un minorenne italiano, che si confondevano tra i passeggeri dei mezzi di linea. In cambio del trasporto venivano ricompensati con soldi o droga. La polizia, a seguito dell’attività di controllo degli spostamenti dei sospettati nelle linee notturne, ha colto in flagrante 9 corrieri, trovati a trasportare diverse quantità di droga. Le indagine successive hanno permesso di rintracciare gli altri membri del gruppo, molto attivo soprattutto nel centro storico perugino.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome