Referendum, taglio dei parlamentari: vince il Sì. Di Maio: “Risultato storico, andiamo avanti con il taglio degli stipendi”. Zingaretti: “Continuiamo con le riforme”

A sposare il No erano stati Berlusconi, Italia Viva di Renzi e Giancarlo Giorgetti della Lega

voto 2020
Foto Claudio Furlan - LaPresse 20 Settembre 2020 Milano (Italia) cronaca Popolazione al voto per il referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari presso la Scuola Media Parini di Via Solferino Photo Claudio Furlan - LaPresse 20 September 2020 Milano (Italy) news Population voting for the constitutional referendum on the cut of parliamentarians at the Parini Middle School in Via Solferino

ROMA – Vince il Sì. Via al taglio dei parlamentari: da 950 diventano 600 (400 deputati e 200 senatori).

La vittoria del Sì era nell’aria: ad abbracciare la battaglia per ridurre il numero degli scranni di Montecitorio e Palazzo Madama sono stati il M5S, il Pd, Lega e Fratelli d’Italia, mentre il No era stato sposato dal partito di Berlusconi, Forza Italia e da Italia Viva di Renzi seppur non condizionando più di tanto il loro elettorato, a cui si era unito anche Giancarlo Giorgetti della Lega.

Di Maio raggiante

Su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha espresso la propria soddisfazione per l’obiettivo raggiunto: “Risultato storico. Torniamo ad avere un Parlamento normale, con 345 poltrone e privilegi in meno. È la politica che dà un segnale ai cittadini. Senza il Movimento 5 Stelle tutto questo non sarebbe mai successo. Il popolo italiano – ha aggiunto – ci incoraggia ad andare avanti anche sul taglio degli stipendi dei parlamentari, ma c’è anche il tema dei vitalizi, con il tentativo di alcuni di riprendersi quello che avevamo tagliato”.

Zingaretti: “Avanti con le riforme”

Anche Nicola Zingaretti appare contento dall’esito delle urne: “È confermata la validità della scelta del Pd. Ora avanti con le riforme. Rappresenteremo anche molte delle preoccupazioni di chi ha votato No reputando insoddisfacente solo il taglio dei parlamentari”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome