Regionali: il centrosinistra tiene la Toscana con Giani. Marche al centrodestra. Referendum: Sì al 70%

Zaia trionfa in Veneto, Toti in Liguria e De Luca in Campania. Zingaretti: "Pd forza popolare che ha fatto differenza"

Foto Adriana Sapone - LaPresse

ROMA – Urne chiuse per le elezioni regionali. Secondo le proiezioni in Veneto il leghista Luca Zaia stravince con oltre il 70%. Netto vantaggio in Liguria per Toti su Sansa così come per il governatore uscente Vincenzo De Luca al 63% in Campania su Caldoro del centrodestra. Il centrosinistra tiene la Toscana Eugenio Giani del centrosinistra è al 48 % sulla leghista Susanna Ceccardi, ferma al 40%. In Puglia Michele Emiliano è al 47% e allunga su Raffaele Fitto mentre il centrodestra è avanti nelle Marche con Francesco Acquaroli al 49,% e virtualmente vincitore.

“Sono entusiasta di come il Pd è stato dentro questa battaglia politica. Ora dobbiamo rafforzare questa forza popolare che ha fatto la differenza. Il PD è probabilmente il primo partito italiano”, il primo commento del segretario Pd Nicola Zingaretti parlando al Nazareno.

Vittoria del sì

Il si verso la vittoria al referendum . I risultati provvisori sulla consultazione costituzionale sulla riduzione dei parlamentari, quando le sezioni scrutinate sono 34.142 su 61.622, danno il Sì al 69,01% e il No al 30,99%. L’affluenza definitiva è del 53,84%. “Quello raggiunto oggi è un risultato storico – dice Luigi Di Maio dai 5 stelle, la forza politica che ha voluto fortemente la riforma – Torniamo ad avere un Parlamento normale, con 345 poltrone e privilegi in meno. È la politica che dà un segnale ai cittadini”. Nicola Zingaretti si dice “soddisfatto” del risultato del referendum. “E’ confermata la validità della scelta del Pd. Ora avanti con le riforme”, le parole del leader dem.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome