Bollo auto, ecco le nuove esenzioni

auto

ROMA – Bollo auto, la tassa va incontro a nuove esenzioni e attesta la proprietà di una vettura che sia regolarmente iscritta al Pubblico Registro Automobilistico (Pra). Il bollo auto viene gestito da ogni Regione e dalle Provincie Autonome di Bolzano e Trento. Solo per Friuli Venezia Giulia e della Sardegna, la tassa è affidata direttamente dall’Agenzia delle Entrate.
Chi paga La tassa sarà regolarmente versata da quanti risultano proprietari di vetture iscritte nel Pra, Pubblico registro automobilistico, anche se acquistate “in leasing, usufrutto o con patto di riservato dominio, se alla scadenza dei termini per il pagamento risultano essere utilizzatori o usufruttuari”.

Chi è esente

Le nuove esenzioni sono entrate in vigore dal primo gennaio 2020 e abbracciano alcune categorie come disabili fisici e mentali (titolari Legge 104) oltre che i titolari di auto con specifiche motorizzazioni come le auto elettriche o le toriche con all’anagrafe almeno 30 anni di vita, oltre a quelle cosiddette ibride acquistate lo scorso anno, con un’esenzione pari a 3 o 5 anni. 
Le novitàLa prima novità, entrata in vigore il primo gennaio di quest’anno, riguarda la nuova modalità di pagamento che può avvenire grazie al versamento con il sistema PagoPa che permette di versare direttamente la somma dovuta alla Pubblica Amministrazione grazie al sito o all’App dell’Ente. O in alternativa il pagamento può avvenire tramite banca o gli sportelli Atm abilitati, o ancora presso gli uffici postali e i punti vendita Sisal e Lottomatica. La seconda invece, verte la gestione dei dati relativi al pagamento del bollo auto da parte del Pra. Inoltre tutte le informazioni i nerenti le auto sono state trascritte all’interno del documento unico di circolazione che prende così il posto del vecchio certificato di proprietà e  del libretto di circolazione. Una ulteriore modifica riguarda lo sconto di cui potranno usufruire gli abitanti della Regione Lombardia pari al 15% dell’importo pari a due mensilità qualora decidano di pagare attraverso il metodo della domiciliazione bancaria. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome