Caso Suarez, Rizzo (Pc): “Non c’entra da dove vieni, ti integri se sei ricco”

“Il problema non è se sei un immigrato che arriva da chissà dove, il problema è quanti soldi hai, quanto la tua titolarità economica ti fa entrare nel meccanismo"

Luis Suarez

MILANO – “Il problema non è se sei un immigrato che arriva da chissà dove, il problema è quanti soldi hai, quanto la tua titolarità economica ti fa entrare nel meccanismo. Il tema è se sei ricco oppure se sei povero. La centralità è quella del conflitto tra capitale e lavoro, tra ricchissimi e poveri”. Questo per lui è “all’origine della crisi della sinistra, che quando perde l’occhio su questa parte della società e si innamora delle lotte civili, smette di essere sinistra e diventa odiata”. Lo ha detto Marco Rizzo, segretario del Partito Comunista, a Radio Cusano sul caso Suarez.

 “In questo circo che è la politica italiana – ha detto ancora Rizzo – il M5s si è alleato prima con la Lega e poi col Pd e c’era Conte premier. I decreti sicurezza hanno due parti: una riguarda gli immigrati e l’altra l’ordine pubblico.Il M5s, che è buono per tutte le stagioni, di questa parte dei decreti sicurezza non parla. L’idea è di cambiare i decreti sicurezza solo per la parte che riguarda l’immigrazione, ma la parte che riguarda i lavoratori non viene neanche discussa. Se un operaio protesta davanti alla fabbrica si può beccare 6 anni di galera.

Questa parte va bene alla Lega, al Movimento e al Pd che non chiede niente e pensa solo allo ius soli, sono tutte facce della stessa medaglia. La questione dell’immigrazione non si risolve con i decreti sicurezza. Io sono contro le migrazioni forzate che avvengono perché ci sono guerre e disparità economica. Se noi oggi vogliamo risolvere la questione della migrazione, innanzitutto non facciamo più la guerra in quei Paesi e ritiriamo le nostre truppe, poi evitiamo di depredare quei Paesi, evitiamo di partecipare all’uccisione dei leader indipendenti come Gheddafi. Può piacere o non piacere, ma la Libia di Gheddafi era meglio della Libia di oggi”, ha concluso il segretario del Partito Comunista.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome