Parigi, attacco nei pressi dell’ex ‘Charlie Hebdo’: fermate due pesone

French police officers patrol the area after a knife attack near the former offices of satirical newspaper Charlie Hebdo, Friday Sept. 25, 2020 in Paris. Paris police say they have arrested a man suspected of a knife attack that wounded at least two people near the former offices of satirical newspaper Charlie Hebdo. Police initially thought there were two attackers but now say there was only one. (AP Photo/Thibault Camus)

PARIGI –  “Tutta la squadra di Charlie esprime il proprio sostegno e la propria solidarietà agli ex vicini e compagni di Premieres Lignes, e alle persone colpite da questo odioso attacco”. Così il settimanale francese Charlie Hebdo su Twitter, a proposito dell’accoltellamento avvenuto a Parigi. Messaggi di vicinanza anche dall’Italia: “Solidarietà alla Francia per il vile attacco nei pressi della ex sede di Charlie Hebdo. Siamo vicini al popolo francese e seguiamo con apprensione l’evolversi della situazione. L’Italia è al fianco di chi combatte ogni forma di violenza”. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, su Twitter.

Due persone fermate

Due persone sono in stato di fermo a Parigi, a seguito dell’accoltellamento vicino alla ex sede di Charlie Hebdo. Lo hanno riferito i media locali, aggiungendo che l’attacco è avvenuto con una mannaia. I due feriti sono un uomo e una donna, lavoratori dell’agenzia di stampa Premières lignes, la cui redazione si trova vicina a quella che fu del settimanale satirico. La procura antiterrorismo si è incaricata del caso ed è stata aperta un’indagine per “tentato omicidio”. L’accoltellamento attorno alle 12. Non è chiaro se il fatto sia legato alla presenza nell’area della redazione, che fu attaccata nel 2015 da estremisti islamici che vi uccisero 12 persone. I feriti, secondo la polizia, sono in condizioni di “totale urgenza”. Il processo agli estremisti islamici intanto procede a Parigi e familiari delle vittime testimonieranno oggi pomeriggio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome