Calcio, Spezia nella storia: a Udine doppietta Galabinov e prima vittoria

Difesa rivoluzionata, qualche ritocco a centrocampo e lo Spezia fa subito centro conquistando la sua prima vittoria in serie A della sua storia al secondo tentativo.

Foto Andrea Bressanutti/LaPresse

ROMA – Difesa rivoluzionata, qualche ritocco a centrocampo e lo Spezia fa subito centro conquistando la sua prima vittoria in serie A della sua storia al secondo tentativo. Dopo il poker subito in casa contro il Sassuolo, la neopromossa guidata da Italiano espugna la ‘Dacia Arena’ con una doppietta del suo bomber Galabinov e mette subito in salita la stagione dell’Udinese che resta a zero punti e con tante dubbi da risolvere. La formazione ligure è stata artefice di una gara di grande intelligenza tattica, puntando sul pressing e su azioni di contropiede che hanno messo in difficoltà i friulani, mai in grado di mettere a fuoco la gara e sempre più in affanno in fase offensiva quando era il momento di spingere per ribaltare il match. La rete di Galabinov su colpo di testa al 29′ ha consentito agli spezzini di giocare senza ansie, di rimessa, gestendo il gioco con molto ordine. C’è voluto però anche tanto cuore e fiato per arginare gli assalti finali dei bianconeri in superiorità numerica al 65′ per l’espulsione di Terzi. Ma lo Spezia ha retto bene l’urto approfittando anche della giornata poco brillante degli attaccanti bianconeri e nel finale ha chiuso i conti in contropiede ancora con Galabinov.

Gotti al via conferma la solita linea a tre e in fase offensiva il tandem d’attacco Lasagna-Okaka e l’unica novità rispetto al match contro il Verona è Palumbo al posto di Arslan. Per Italiano invece sei cambi rispetto alla sconfitta interna con i Sassuolo. Al rientro Ferrer, Chabot e Terzi al fianco di Ramos. Nel tridente ai lati di Galabinov spazio per Verde e Gyasi. Lo Spezia parte forte e sugli sviluppi di un calcio d’angolo va subito in rete con Ricci ma il gol viene annullato dal Var per una posizione di fuorigioco. L’Udinese fatica nei primi minuti a trovare spazio, a causa del pressing dei liguri ma dopo un buon avvio la formazione ospite è in difficoltà e i friulani conquistano campo. Su calcio piazzato Samir guadagna il fondo, crossa ma Okaka non trova la porta: è la prima occasione dei bianconeri che vanno in rete con Lasagna dopo una serie di rimpalli in area ma la rete è viziata da fuorigioco. La squadra di Gotti fa gioco ma non trova le chiavi tattiche per scardinare gli avversari che su un cross dal fondo trovano la rete del vantaggio con Galabinov che raccoglie un cross dal fondo di Gyasi. Per il bulgaro è la seconda rete in campionato dopo quella firmata domenica scorsa al debutto dello Spezia in A. Premiata la compattezza dei liguri, mai in affanno e attenti a sfruttare al meglio le ripartenze: vna combinazione Maggiore-Galabinov per poco non libera Gyasi davanti a Musso ed èp ancora il bulgaro a rendersi pericoloso in due occasioni. L’Udinese prova a scuotersi ma accusa il colpo. Serve una sterzata per ribaltare un match.

Nella ripresa l’Udinese prova nuove soluzioni per sviluppare una manovra più incisiva ed efficace ma dopo un buon avvio perde velocità ed incisività. Lasagna non è in giornata, Okaka non punge e viene sostituto da Nestorovski. Lo Spezia regge bene il gioco, e non perde gli equilibri anche quando si trova al 65′ a giocare in dieci per il rosso a Terzi, espulso per doppia ammonizione. Gotti tenta altri cambi, Italiano si affida alla panchina per dare forze fresche e tenere lontana dall’area i bianconeri. Al 75′ palo colpito da Forestieri sugli svilupp di un cross di Nestorovski ma il gioco era stato fermato per un fallo di mano del giocatore argentino. Ci prova anche Nestorovski di testa. I bianconeri continuano ad affollare l’area degli spezzini che non si fanno schiacciare troppo e proprio nel finale, su rilancio di Rafael, artefice di un paio di ottime parate, Galabinov in contropiede trova la rete del 2-0. Per lo Spezia la festa può iniziare.

di Luca Masotto

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome