Milano, maxi truffa ai danni di uno studio di architettura: sequestrati 4,5 mln

La Guardia di finanza di Milano ha sequestrato 4,5 milioni di euro frutto di una maxi truffa ai danni di un noto studio di architettura della città meneghina

Foto Tonino Bonomo / LaPresse

MILANO – La Guardia di finanza di Milano ha sequestrato 4,5 milioni di euro frutto di una maxi truffa ai danni di un noto studio di architettura della città meneghina. Si tratta dei beni nella disponibilità di un indagato, dipendente dello studio in questione; per una seconda persona è stato disposto l’obbligo di dimora.

Secondo le fiamme gialle i due, tra il 2013 e il 2018, avrebbero sottratto denaro allo studio per il quale uno di loro lavorava. In particolare, il dipendente si occupava di gestire i conti correnti dello studio e aveva il compito di curare i rapporti con la banca.

Con il complice, dipendente della stessa banca, incassava ingenti somme usando una firma falsa del titolare dello studio su distinte di prelievo di denaro contante, su oltre 200 assegni, e su richieste di emissione di carte di pagamento, utilizzate per acquisti e prelievi di denaro contante.

Le indagini, partite nel 2018 a seguito della denuncia dell’architetto, hanno dimostrato come con questo sistema siano stati sottratti, allo studio e al titolare, circa 4.5 milioni di euro. Uno degli indagati avrebbe impiegato il denaro frutto della truffa in attività speculative, “con una sistematica attività di gioco d’azzardo, e in attività economiche, investendo nella ristrutturazione di un locale di sua proprietà a Chiavari (Genova)”, spiega la finanza.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome