Ue, Sassoli: “Ricostruire l’economia e il lavoro partendo dai più deboli”

"Dobbiamo ricostruire la nostra economia e il lavoro nell'Ue, cominciando a pensare, finalmente, dalla parte di chi è più debole, di chi non ha nulla e non più soltanto dalla parte di chi ha già molto".

(Francois Lenoir, Pool Photo via AP)

MILANO – “Dobbiamo ricostruire la nostra economia e il lavoro nell’Ue, cominciando a pensare, finalmente, dalla parte di chi è più debole, di chi non ha nulla e non più soltanto dalla parte di chi ha già molto”. Lo ha detto il presidente del Parlamento Ue David Sassoli in apertura del Consiglio europeo, sottolineando la necessità di ricostruire l’economia europea in linea con dei principi che siano più equi e sostenibili. “Abbiamo bisogno di una politica economica e sociale dell’Ue forte, basata su una idea di società ecologicamente sostenibile. Affrontare in modo deciso le disuguaglianze sociali ed economiche e rispondere alle esigenze delle persone che sono state maggiormente colpite dalla crisi. La ricostruzione deve rafforzare la coesione delle nostre comunità, una relazione virtuosa tra istituzioni, cittadini e territorio, affinché le persone non siano più considerate soltanto consumatori ma cittadini consapevoli. Questa è una delle condizioni fondamentali per uscire dalla crisi”, ha aggiunto Sassoli.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome