Di Maio: “I vandali vanno fermati, ma le piazze vanno ascoltate”

Foto Mauro Scrobogna /LaPresse 15-10-2020 Roma , Italia Cronaca Convegno Laudata Economia - dialogo tra Il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il Direttore di Civiltà Cattolica Padre Antonio Spadaro Nella foto: Il Ministro degli esteri Luigi Di Maio durante l'incontro che prende spunto dall'Enciclica di Papa Francesco Fratelli Tutti Photo Mauro Scrobogna /LaPresse October 15, 2020  Rome, Italy News Laudata Economia conference - dialogue between Foreign Minister Luigi Di Maio and the Director of Civiltà Cattolica, Father Antonio Spadaro In the photo: Foreign Minister Luigi Di Maio during the meeting that takes its cue from Pope Francis' Encyclical Fratelli Tutti

ROMA – “C’è rabbia, incredulità, sofferenza. È naturale. Sono stati d’animo figli dell’incertezza. Di fronte a tutto questo l’obbligo di un governo è quello di reagire e di ascoltare, ma soprattutto è quello di assumersi le proprie responsabilità. I vandali vanno fermati, ma le piazze vanno ascoltate. Sono un segnale che il governo non può trascurare”. Lo dice il minisTro degli Esteri Luigi Di Maio in una lettera inviata a Repubblica. Per il ministro infatti gli umori “non possono essere ignorati, bensì vanno condivisi e devono essere compresi. Non basta liquidare le proteste come se le proteste fossero tutte uguali, perché tutte uguali non sono. E allora fermiamoci un attimo a pensare. Guardiamoci intorno e come rappresentanti delle istituzioni cerchiamo di capire che oggi uno dei messaggi più divisivi e conflittuali, forse, lo sta dando proprio la politica. C’è un’Italia spaccata a metà, è vero, perché ad essere frammentato è l’intero arco parlamentare”, precisa.

“C’è una maggioranza che continua a pestarsi i piedi giorno dopo giorno, le opposizioni che non perdono occasione per soffiare sul fuoco del conflitto e c’è chi riesce a contestare un decreto che ha contribuito a realizzare”. Di Maio si chiede poi “come può la politica ergersi a cattedra morale lasciando intendere che siano gli italiani ad essere i principali colpevoli della crisi?”. Secondo il ministro, ogni parte politica “dovrà trovare la forza di fare un passo indietro e rinunciare. Dobbiamo tenere a mente che il Paese rischia di implodere e se non riusciremo a risalire la china, noi per primi ne saremo i responsabili. Servono responsabilità e lealtà istituzionale”, conclude Di Maio che cita Pietro Nenni: “ci sono nella vita delle testimonianze da rendere alle quali non ci si può sottrarre. La nostra testimonianza, fra qualche anno, dovrà esser quella di aver agito con coscienza, di aver dato il massimo per ricucire un Paese lacerato, che abbiamo l’obbligo di difendere e proteggere”, la sua conclusione.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome