Polonia, Duda cambia posizione sull’aborto: “Sì in caso di difetto congenito”

Nuova decisione per il premier polacco

AP Photo/Evan Vucci)

VARSAVIA – Il presidente polacco, Andrzej Duda, cambia posizione: le donne, ha affermato, dovrebbero avere il diritto di abortire in caso di difetti congeniti del feto. In un’intervista a radio RMF FM, Duda è parso prendere le distanze dalla leadership del suo partito conservatore, Diritto e Giustizia (Pis), a proposito del divieto alle interruzioni di gravidanza imposto dalla Corte costituzionale. “La legge non può chiedere questo tipo di eroismo a una donna”, ha detto il premier polacco. La sentenza porta al divieto quasi totale di aborto nel Paese, che ha giù una delle più stringenti leggi in merito in Europa. Da sette giorni sono in corso proteste di massa nelle città polacche. La scorsa settimana Duda aveva inizialmente reagito accogliendo con favore la sentenza e sottolineando la propria contrarietà all’aborto anche quando il feto ha malformazioni irreversibili.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome