Calcio, Atalanta a caccia di punti a Crotone. Il Cagliari a Bologna

I bergamaschi reduci dal capitombolo in casa contro la Sampdoria che ha fatto seguito allo stop con il Napoli, sono chiamati a rimettersi in carreggiata per non allontanarsi troppo dalla parte alta della classifica

Foto Massimo Paolone/LaPresse Nella foto: Ruslan Malinovskyi (Atalanta Bergamasca Calcio) esulta dopo aver realizzato il gol 1-1

ROMA – Alla ricerca dei punti perduti con l’incubo Covid che incombe alle spalle. Nasconde più di insidia, a livello soprattutto mentale, la sfida tra Atalanta e Crotone in terra calabrese. I bergamaschi reduci dal capitombolo in casa contro la Sampdoria che ha fatto seguito allo stop con il Napoli, sono chiamati a rimettersi in carreggiata per non allontanarsi troppo dalla parte alta della classifica. L’impegno contro la neopromossa affamata di risultati dopo il poker subito contro il Cagliari rischia di essere complesso. Il clima in casa Dea non appare così disteso: la conferenza stampa è stata annullata per una positività nello staff tecnico e anche in casa del Crotone il tecnico Stroppa ha annullato l’incontro con i giornalisti per la positività del centrocamposta Molina.

Atalanta in difficoltà

Fronteggiare l’emergenza è però diventata ormai una costante. Così come risolvere il problema degli infortunati: Gasperini dovrà fare a meno dell’esterno Gosens che si è fermato nella rifinitura “per un problema al polpaccio”, come ha sottolineato la stessa società lombarda. L’Atalanta è obbligata a vincere per evitare di aprire una piccola crisi, nonostante il percorso in Champions sia eccellente Gasperini ha chiaramente fatto intendere che in questo momento della stagione la squadra è concentrata sull’Europa; ma servirebbe evitare di sganciarsi troppo in campionato per non andare poi in affanno. Lo sforzo europeo si è comunque fatto sentire e l’impegno contro il Crotone può essere utile per far riposare ‘Papu’ Gomez. Gasperini potrebbe infatti proporre una formazione con Malinovskyi e Miranchuk alle spalle di Luis Muriel.

Il Bologna sfida il Cagliari

Punti servono anche al Bologna che dopo tre ko consecutivi ospita il Cagliari. Il tecnico dei rossoblù, Sinisa Mihajlovic, non intende cambiare mentalità alla sua squadra ma chiede maggiore personalità e carattere: “Si deve andare avanti con la fiducia cambiando e aggiungendo qualcosa. Nelle ultime tre partite abbiamo fatto sempre meglio degli avversari ma poi abbiamo sempre perso. Quando fai le stesse cose ottieni gli stessi risultati. Quindi si deve fare qualcosa di diverso senza cambiare la nostra mentalità, anche per crescere individualmente. Dobbiamo parlare più in campo, avere alta la concentrazione e più personalità per prendersi maggiori responsabilità. Con queste tre cose sono convinto che alla fine anche il risultato finale cambierà”, ha dichiarato il tecnico che non vuole al momento trovare soluzioni puntando sul mercato.

Il mercato

“Rinforzi? Ho parlato con la società, su mercato non c’è chi ci può soddisfare, prendere per prendere non mi va, aspettiamo poi vediamo quello ch succede. Mandzukic? Non lo voglio. In questa situazione di difficoltà non bisogna farsi prendere dall’ansia. Non prendiamo esempio dai nostri governi che fanno i decreti a ca… di cane, noi dobbiamo essere più lucidi”, ha aggiunto andando al di là degli aspetti tecnici della sfida. Il Cagliari ritrovato non farà sconti. Il tecnico Di Francesco vuole iniziare una striscia positiva e scuote la squadra: “Abbiamo avuto poco tempo per preparare la partita di domani, ci siamo concentrati su pregi e difetti del Bologna ma soprattutto su quel che dovremo fare noi: questa è la cosa più importante – ha spiegato – Il Bologna gioca aggressivo e questo potrebbe lasciarci qualche spazio da sfruttare”.

(LaPresse/di Alberto Zanello)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome