Gelmini: “Conte chiami i leader dell’opposizione per una vera condivisione”

"Se il Presidente del Consiglio ha deciso di smettere di ballare da solo e intende cercare una collaborazione delle forze politiche di opposizione, non deve chiamare i Presidenti di Camera e Senato, ma i leader dei partiti, e cioè Berlusconi, Salvini e Meloni"

Foto Richard Morgano - LaPresse Nella foto: Maria Stella Gelmini Photo Richard Morgano - LaPresse 24 February 2018 - Brescia (Italy) News Assemblea Generale Confagricoltura In the pic: Maria Stella Gelmini

ROMA – “Se il Presidente del Consiglio ha deciso di smettere di ballare da solo e intende cercare una collaborazione delle forze politiche di opposizione, non deve chiamare i Presidenti di Camera e Senato, ma i leader dei partiti, e cioè Berlusconi, Salvini e Meloni. I Presidenti di Camera e Senato, con la loro autorevolezza, avranno certamente spiegato a Conte che il Parlamento ha già regole, prassi e strumenti utili anche a trovare una reale condivisione dei provvedimenti. Basterebbe venirci prima e non dopo averli presi ed evitare prove muscolari maggioranza versus opposizione. Diversa è la proposta del collega Ceccanti di un organismo parlamentare ristretto: ciò esula dalla competenza del Presidente del Consiglio e dipende invece dalle forze politiche. Noi siamo disponibili, come siamo sempre stati, a ragionare di tutto nel rispetto dei ruoli di maggioranza e opposizione e nell’interesse del Paese. Basta che Conte e la maggioranza smettano di fare melina”. Lo afferma in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome