Onu, Sereni partecipa all’evento ministeriale per il ventennale della Convenzione di Palermo

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse15-09-2016 RomaPoliticaCamera dei Deputati. 70 anni dal primo voto delle donneNella foto Marina SereniPhoto Fabio Cimaglia / LaPresse15-09-2016 Rome (Italy)PoliticChamber of Deputies . 70 years from the first vote of womenIn the pic Marina Sereni

ROMA – La vice ministra degli Esteri Marina Sereni ha partecipato in videoconferenza all’evento ministeriale per il ventennale della Convenzione delle Nazioni Unite contro il crimine organizzato transnazionale (Convenzione di Palermo) promosso dal segretariato di Unodc insieme a una serie di Paesi, tra cui l’Italia, e introdotto dal saluto del segretario generale delle Nazioni Unite Guterres. “Da quando nel dicembre 2000 fu firmata in Italia, a Palermo, questa Convenzione – ha dichiarato Sereni -, gli Stati membri hanno raccolto la sfida di combattere insieme il crimine ovunque nel mondo, mediante importanti misure legislative e specifiche politiche nazionali, ma soprattutto dando vita a una collaborazione transnazionale senza la quale sarebbe impossibile fare fronte efficacemente a questo fenomeno di natura globale”. “Purtroppo – ha spiegato la vice ministra – negli ultimi venti anni, anche la criminalità organizzata si è evoluta, diventando sempre più transnazionale. Oggi il crimine organizzato cerca di sfruttare le nostre vulnerabilità, nello scenario creato dall’attuale pandemia, mentre cresce il fenomeno del Cybercrime”.

“Siamo pienamente consapevoli – ha concluso Sereni – che l’unico modo per affrontare il crimine transnazionale organizzato, che non conosce confini, sia agire insieme. L’Italia è pienamente impegnata in questo sforzo di cooperazione, volto anche ad aggiornare la Convenzione e i suoi protocolli alle nuove sfide. L’Italia è inoltre impegnata a garantire che i diritti umani, lo Stato di diritto, le libertà fondamentali e i diritti di genere siano sempre preservati e garantiti al meglio”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome