Federico Salvatore e le sue “10 quartine per Maradona”

Federico Salvatore
Federico Salvatore

Il cantautore e attore napoletano Federico Salvatore ha dedicato una poesia al campione recentemente scomparso Diego Armando Maradona, capitano del Napoli tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90. Una poesia struggente e appassionata, che riassume il sentimento del popolo napoletano per la morte di quello che è considerato un simbolo della città, al pari del Vesuvio, della pizza e del miracolo di San Gennaro.

E l’esperienza di Maradona a Napoli viene vista dai partenopei proprio come un miracolo. La parabola di un giovane povero, anche lui proveniente dal Sud del Mondo, che con le proprie forze e il proprio talento è riuscito a conquistare la vetta di miglior calciatore della storia. E a portare la squadra di calcio della capitale del Sud Italia nell’Olimpo dello sport nazionale e internazionale.

E’ per questo che ancora oggi, all’ombra del Vesuvio, Maradona viene celebrato come la speranza di una terra che ha subito di tutto, ma che con le proprie risorse, dalle bellezze paesaggistiche alla genialità della gente che la abita, può diventare il traino di un’intera nazione verso un futuro di benessere e di prosperità.

10 Quartine per Maradona

di Federico Salvatore

Ce stà sulo nu nomme
ca fa rima cu pallone
e ’o ssape tutt’ ’o munno
ca è sulo Maradona!

Pecchè p’ogni partita,
senza sapè ’a raggione,
’a poesia d’ ’a vita
l’ha scritta c’ ’o pallone!

L’ha scritta dint’ô core
’e ogni spettatore…
’e tutt’ ’e jucature…
’e tutt’ ’e ccriature!

L’ha scritta ncopp’ê mmura,
l’ha scritto nterr’â rena,
l’ha scritto int’ê pasture
’e San Gregorio Armeno!

L’ha scritto dint’ ê vvoce
ca se songo abbrucate,
pe ffarle arrivà ncielo
stu surdato nnammurato!

L’ha scritto pe ssette anne
stu figlio ’e tutt’ ’e mmamme,
cu ’a capa in Argentina
e ’o core a Margellina!

Pe vvuje sarrà nu riàvulo,
ma quanno nterra è sciso,
Napule cu stu riàvulo
è gghiuta n’Paraviso!

Sarrà contraddizione?
Ma è cchesta ’a verità,
Napule ’e Maradona
è orgoglio e dignità!

Pe chi l’ha miso n’croce,
nun restarrà memoria,
è fuoco ca ’unn’ abbrucia
’e ppaggine ’e sta storia!

E chi penza ca è muorto,
c’ ’o tiempo perde tiempo…
Diego vence cu ’a morte
ogge, dimane e sempe!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome