Rapine a Napoli, Casoria e Casalnuovo: arrestati due uomini di Casal di Principe

rapina rapinatore

Hanno commesso 3 rapine in 2 mesi a Napoli, Casoria e Casalnuovo. In un’occasione fu esploso anche un colpo, oggi sono stati arrestati. E’ stata eseguita stamattina un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di due persone, Vincenzo Dello Iacolo, di 35 anni e Alessandro Marino, di 22, entrambi residenti in Casal di Principe, in provincia di Caserta, per rapine commesse in concorso.

Le indagini dei carabinieri si sono concentrate soprattutto sulle immagini della videosorveglianza, riscontrate anche attraverso l’escussione di persone informate sui fatti. Sono stati così raccolti elementi che hanno permesso alle forze dell’ordine di ricostruire il modus operandi degli indagati. A bordo di una Mercedes di colore bianco, con il volto travisato da passamontagna e armi in pugno, mettevano a segno i raid durante le ore notturne. Le vittime sono gli addetti alla portineria di due hotel di Napoli e Casoria e il dipendente di un distributore di carburanti a Casalnuovo di Napoli. In questa ultima circostanza gli indagati esplosero anche alcuni colpi di arma da fuoco durante la fuga.

In particolare al portiere dell’hotel in via Gigante, a Casoria, sono riusciti a sottrarre 180 euro in contanti. Dal portiere dell’hotel in via Nuova del Campo, a Napoli, sono riusciti a farsi consegnare 300 euro. Il dipendente del distributore di benzina in viale dei Tigli, a Casalnuovo di Napoli, è stato invece costretto a consegnare 35 euro che aveva in tasca e 250 euro dell’incasso.

Ulteriori elementi a carico degli indagati si sono avuti proprio dalla successiva comparazione balistica del bossolo estratto dalle lamiere della tettoia del distributore con le armi utilizzate dagli stessi in occasione di un’altra rapina, episodio per il quale sono stati tratti in arresto in flagranza di reato e già sottoposti alla misura cautelare degli arresti in carcere.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome