Camorra a Roma, 28 arresti: c’è anche Michele Senese

Sono ritenute appartenenti ad un’organizzazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e, a vario titolo, di estorsione, detenzione e porto illegale di armi, lesioni personali gravissime, tentato omicidio, trasferimento fraudolento di valori, reati, per la maggior parte, aggravati dal metodo mafioso

ROMA – I carabinieri del comando provinciale di Roma, a partire dalle prime luci dell’alba, hanno effettuato 28 arresti nella Capitale. L’operazione, svolta tra Lazio, Campania e Veneto, si è conclusa con l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip presso il Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia, che dispone l’arresto per 28 persone ritenute appartenenti ad un’organizzazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e, a vario titolo, di estorsione, detenzione e porto illegale di armi, lesioni personali gravissime, tentato omicidio, trasferimento fraudolento di valori, reati, per la maggior parte, aggravati dal metodo mafioso.

I padrini della droga
Il provvedimento trae origine dall’indagine condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma che ha consentito di ricostruire l’operatività, in Roma, di un cartello della droga, capeggiato dal noto Michele Senese, anch’egli destinatario della misura cautelare, sotto la cui egida operavano distinti gruppi dediti al traffico di sostanze stupefacenti, individuandone gli assetti verticistici, i sodali e i pusher. In seno a uno di questi gruppi operava anche Fabrizio Piscitelli, ucciso in un agguato a Roma il 7 agosto del 2019.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome