Bomba di Capodanno, senza scampo

La vicenda non è chiara, c’è chi parla di un proiettile vagante: s’indaga per omicidio colposo

CASERTA – Dopo sette giorni tra la vita e la morte si è spento Domenico Di Giacomo (in alto): non ce l’ha fatta il 25enne rimasto coinvolto il 31 dicembre nell’esplosione avvenuta al Parco Primavera. Ricoverato all’ospedale di Caserta per le ustioni riportate il ragazzo, dopo una lotta estenuante che ha tenuto la città col fiato sospeso, ha esalato l’ultimo respiro. Ricoverato in prognosi riservata al Sant’Anna e San Sebastiano il 25enne era in attesa del trapianto di pelle. Le ferite riportate si sono purtroppo rivelate troppo gravi e, nella giornata di ieri, il cuore del giovane ha smesso di battere.

Secondo le ricostruzioni degli inquirenti Domenico, insieme ai due fratelli, avrebbe fatto esplodere un ordigno artigianale ottenuto ammucchiando un gran numero di petardi di grosse dimensioni. Un’operazione pericolosa che, con il senno di poi, si è rivelata fatale. L’onda d’urto dell’esplosione, che ha raggiunto i 30 metri di diametro, ha investito in pieno il 25enne. Uno scoppio che ha squassato l’intero Parco Primavera, arrivando a essere percepito anche nelle vicine frazioni di Tuoro e Petrarelle.

Uno scenario di guerra quello che hanno trovato i carabinieri intervenuti sul posto. Auto distrutte, vetri in frantumi ed edifici danneggiati. Nello scoppio sono rimasti feriti anche i tre fratelli, uno di 17 anni e l’altro di 21, fortunatamente non in modo grave. Continuano le indagini dei carabinieri su quanto avvenuto quella maledetta notte. Cosa è andato storto, nella preparazione dell’ordigno o nell’accensione dello stesso, causando l’esplosione per cui è deceduto il giovane parrucchiere? Spunta anche un’altra ipotesi: a uccidere il ragazzo potrebbe essere stato un proiettile vagante. L’ipotesi di reato, che fino a pochi giorni prima era di lesioni, muta in omicidio colposo. Un caso che ha scosso profondamente la città: la cittadinanza, dapprima indignata per quanto avvenuto la notte di San Silvestro, si è stretta intorno alla famiglia del ragazzo, piangendo la perdita del 25enne. Una tragedia che ha segnato negativamente l’inizio del 2021.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome