L’ex consigliere Santonastaso trovato morto su una spiaggia di Varcaturo

C’è qualche elemento da chiarire nel decesso di Francesco Santonastaso, 63 anni, dipendente dell’Asl in pensione ed ex consigliere comunale a Caserta, trovato morto ieri mattina sulla spiaggia di Varcaturo. Il pm ha disposto il sequestro della salma per accertamenti autoptici

CASERTA – C’è qualche elemento da chiarire nel decesso di Francesco Santonastaso, 63 anni, dipendente dell’Asl in pensione ed ex consigliere comunale, trovato morto ieri mattina sulla spiaggia di Varcaturo. Il pubblico ministero di turno presso il tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha disposto il sequestro della salma per accertamenti autoptici.

Intorno alle 9,30 di mattina la polizia ha ricevuto una telefonata: in località Marina di Varcaturo c’era un uomo steso sulla spiaggia immobile. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di polizia di Castelvolturno, coordinati dal dirigente Luigi Graziano, e il servizio di emergenza 118, che ha potuto solo constatare il decesso.

Da una prima ispezione non risultano segni di violenza e quindi la causa della morte dovrebbe essere un malore. Fatto sta che il pubblico ministero, informato dell’accaduto, ha disposto il trasporto della salma presso l’istituto di medicina legale dell’azienda ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano”. Ci si chiede cosa ci facesse Santonastaso sulla spiaggia di Varcaturo in inverno.

L’uomo, oltretutto, soffriva di glaucoma e aveva quindi problemi di vista. La notizia della scomparsa ha suscitato cordoglio negli ambienti politici della città e all’Asl, dove Santonastaso, che viveva nella frazione di San Clemente, aveva lavorato fino a poco tempo fa all’ufficio Personale nella sede di via Unità Italiana. Da qualche anno aveva perso la moglie, uccisa da un male incurabile. Lascia due figli, uno dei quali, Antonio, esercita la professione di avvocato.

Il fratello Girolamo è funzionario del settore Finanze al Comune di Caserta. L’attività politica di Santonastaso, molto vicino all’ex consigliere regionale di Alleanza nazionale Angelo Polverino, si era sostanziata in tre candidature al consiglio comunale: dopo un primo tentativo a vuoto, nel 2011 era stato eletto nella maggioranza guidata da Pio Del Gaudio con la lista “Caserta Più”, organizzata da Polverino.

Nel 2016 Santonastaso era in lista con Democratici per Caserta, a sostegno di Carlo Marino, e aveva ottenuto un buon risultato personale con 366 voti, ma era risultato solo primo dei non eletti dietro Domenico Maietta, Donato Tenga e Filippo Mazzarella. “Lo avevo sentito a Natale – dice Pasquale Napoletano, che da assessore è stato suo compagno in maggioranza – e avevamo parlato di politica e delle prossime Comunali. Mi era sembrato un po’ giù di morale”. Per la celebrazione dei funerali bisognerà attendere il via libera dalla magistratura.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome