Emilia Romagna, Bonaccini: “Pronti a provvedimenti più restrittivi”

"Siamo pronti, in luoghi dove ci siano casi di contagi in aumento, a prendere provvedimenti ulteriormente restrittivi".

Foto Roberto Monaldo / LaPresse

BOLOGNA – “Siamo pronti, in luoghi dove ci siano casi di contagi in aumento, a prendere provvedimenti ulteriormente restrittivi”. Lo ha detto il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini durante la conferenza stampa in cui è stato illustrato il Programma straordinario di investimenti per le aree più colpite dalla prima ondata epidemica in Emilia-Romagna. “Agiremo nel caso come sempre di concerto con gli amministratori locali e ascoltando i consigli delle Asl e degli esperti”. Bonaccini ha poi confermato che “nei prossimi giorni saranno fatti tamponi a tappeto su tutti gli studenti, bambini e ragazzi del comune di San Benedetto val di Sambro”, il piccolo comune di 4mila abitanti dell’Appennino bolognese dove sono state prese misure straordinarie per il dilagare del virus fra cui la chiusura delle scuole.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome