Foto Fabio Cimaglia / LaPresse

Roma, 13 feb. (LaPresse) – “Visto che nessuno ci vede chiaro sulle rendicontazioni e considerata la bufera che li travolge, chiediamo ai grillini la prova del nove: cacciate gli scontrini. Se è vero che per statuto sono obbligati a conservare le prove delle loro spese, allora lo facciano, esibiscano scontrini e fatture.

Spieghino, per esempio, che cosa sono le “Missioni non ufficiali” in cui, secondo Repubblica, Luigi Di Maio avrebbe speso 42,410.74 euro. Spieghino e, soprattutto, tirino fuori i relativi scontrini. Ma chissà che Di Maio e Casaleggio non abbiano già provveduto a cambiare lo statuto alla velocità della luce, come hanno fatto per salvare la Raggi”, lo dice in una nota la deputata del Pd Alessia Morani.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Cronache di

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here