Vicenza, false fatture per 4,5 milioni: sequestrati beni e immobili per 377mila euro

Operazione della Guardia di Finanza

Foto LaPresse - Stefano Costantino Cronaca Conferenza stampa operazione "Dama Nera" nella sede del Nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Roma alla presenza del procuratore di Roma Giuseppe Pignatone. Nella foto: Photo LaPresse - Stefano Costantino 22/10/2015 Rome (ITA) Press Conference operation "Black Lady" at the headquarters of the Core of the tax police of the financial police of Rome in the presence of the prosecutor of Rome Giuseppe Pignatone. In the pic:

MILANO – Nei giorni scorsi i militari del comando provinciale della guardia di finanza di Vicenza hanno dato esecuzione a due sentenze emesse dal tribunale di Vicenza, per la confisca “per equivalente” di beni per un importo di oltre 370mila euro, a seguito delle indagini coordinate dalla locale.

La confisca, che ha riguardato denaro contante ed immobili – per un valore di oltre 370mila euro, arriva a termine delle indagini di polizia giudiziaria eseguite dai finanzieri del Gruppo di Bassano del Grappa sul conto di un 51enne di Bassano del Grappa, un 55enne di Riese Pio X e un 48enne di Vicenza, coinvolti nella gestione di fatto di una società di capitali e di tre ditte individuali e indagati per l’ipotesi di reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Foto LaPresse – Stefano Costantino

Le indagini hanno permesso di accertare l’emissione di fatture per operazioni inesistenti per un importo di oltre 4,5 milioni di di euro. Hanno valutato pienamente attendibile dal gip Vicenza che, condividendo la prospettazione accusatoria, ha emesso delle ordinanze di custodia cautelare personale in carcere e arresti domiciliari, nonché sequestri preventivi nei confronti degli indagati.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome