Vaccini, Sileri: “Ora crescita a pieno ritmo o si rischia grosso”

L'intervento del sottosegretario alla Salute

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 23-03-2021 Roma Politica Paola Taverna presenta l'intergruppo parlamentare "Longevità. Prospettive socio-economiche" Nella foto Pier Paolo Sileri Photo Roberto Monaldo / LaPresse 23-03-2021 Rome (Italy) Press conference by Senator Paola Taverna In the pic Pier Paolo Sileri

ROMA – “Comincia una settimana chiave. Spero davvero che, finite le vacanze, dopo il calo della seconda metà di agosto, ora riprendano a pieno ritmo le prenotazioni e le vaccinazioni. Altrimenti si rischia grosso…”. Così il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, al ‘Corriere della Sera’. “Basta leggere le previsioni dell’Oms – spiega -: da qui a dicembre in Europa il Covid potrebbe fare altri 236mila morti, cioè altri 30mila da noi. E sapete il motivo? Ci sono 3,7 milioni di italiani over 50 che ancora non sono vaccinati, non hanno ricevuto nemmeno la prima dose. E con questi numeri, se il virus non si ferma, dopo la quarta ondata potremmo avere anche la quinta”.

Sileri sottoscrive quanto detto dal ministro della Salute, Roberto Speranza, secondo cui o si fanno più vaccini o si rischiano nuove chiusure. “L’obbligo vaccinale deve restare l’ultima spiaggia – afferma il sottosegretario -, ma intanto bisognerà convincere tutti questi milioni di persone a vaccinarsi e servirà uno sforzo enorme perché i no vax, idioti, hanno fatto danni enormi, diffondendo menzogne. Ma perché continuare a invitarli in televisione? Bisogna dare la parola agli scienziati veri. Il vaccino è l’unica arma. E occorre fare in fretta, perché la variante Delta ci ha già messo in difficoltà ma non possiamo escludere che ne escano altre. La variante Epsilon, che sembrava capace di eludere i vaccini, per fortuna non si è diffusa in modo preoccupante fuori dagli Usa”. Secondo Sileri servirà quindi una campagna d’autunno ‘face to face’: “Medici di famiglia, farmacisti, solo loro possono convincere i dubbiosi perché hanno un contatto diretto con il cittadino. E pure i politici, di tutti i partiti, dovrebbero andare in tv e dire: il vaccino salva la vita”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome