Belluno, Orlando su prof trans suicida: “Discriminazione inaccettabile”

"È inaccettabile che in Italia una lavoratrice o un lavoratore subisca discriminazioni sul luogo di lavoro per la propria identità di genere, così come per qualsiasi altro elemento della propria identità sessuale o per tutto ciò che non ha a che fare con la prestazione lavorativa".

Foto Milena Rettondini / Ufficio Stampa Mise / LaPresse Nella foto: Andrea Orlando, ministro del Lavoro

ROMA– “È inaccettabile che in Italia una lavoratrice o un lavoratore subisca discriminazioni sul luogo di lavoro per la propria identità di genere, così come per qualsiasi altro elemento della propria identità sessuale o per tutto ciò che non ha a che fare con la prestazione lavorativa. A qualsiasi insegnante, a qualsiasi lavoratore o lavoratrice che ha rivelato o ha paura di rivelare una parte così importante di sé, voglio ribadire con fermezza: il Ministero del Lavoro è dalla vostra parte”. Lo scrive in un lungo post su Facebook il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, dopo la morte della docente Cloe Bianco trovata carbonizzata nel suo camper in provincia di Belluno.

“Leggo che il Padova Pride Village dedicherà la serata di oggi a Cloe Bianco, la professoressa transgender che si è tolta la vita qualche giorno fa. ‘Il possibile d’una donna brutta è talmente stringente da far mancare il fiato’, ha scritto Cloe nel suo testamento. Quel ‘possibile’ ha la dimensione del camper in cui viveva e dentro il quale ha deciso di porre fine alla sua vita. Quel camper è anche il perimetro dei nostri pregiudizi, della nostra superficialità, della scommessa che si perde quando scegliamo il disprezzo per compiacere l’ignoranza. Ignoranza verso chi è giudicato diverso, verso chi, invece, vuole soltanto vivere ed essere accolto e rispettato come persona. Questo chiedeva Cloe”, scrive Orlando.

“Era davvero così terrificante? Era troppo chiedere di essere accettata per ciò che si sentiva di essere? Ancora, per troppe persone, purtroppo, sì -continua il ministro nel suo post-. Troppo forte il peso dei pregiudizi, troppo comoda la spirale del silenzio che spinge a conformarsi alle opinioni dominanti. Una spirale che ha spinto Cloe ai margini, l’ha rinchiusa in un camper, l’ha isolata sul luogo in cui svolgeva il suo lavoro, una scuola. Il lavoro che dovrebbe essere il luogo della solidarietà, dell’inclusione e della dignità è diventato l’anticamera di quel camper. Nessuno può dirsi innocente. Chi semina l’odio, chi lo coltiva, chi lo fa fruttare come putrida rendita. Ma anche noi che non abbiamo saputo contrastarlo, che accettiamo questa malapianta cresciuta in fretta come una cosa con cui convivere”.

“Non c’è, non dico l’accettazione che dovrebbe accompagnare questo tempo che ha dalla sua la conoscenza del profondo, ma neppure la pietà o la sospensione del giudizio dei nostri padri e dei nostri nonni -evidenzia Orlando-. In nome dei valori, dell’identità, del conformismo benpensante, c’è la quotidiana lapidazione, la derisione vigliacca o l’invettiva sorda e cieca, magari digitale, perché non sa sentire né vedere il tumulto delle anime, dei sentimenti, della fatica di vivere e di capirsi. Questo cara Cloe non è soltanto brutto, è precisamente l’orrore. Che la tua morte ricordi che non possiamo accettarlo”.

LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome