Vaccini: camper per dosi a bimbi, scritte e volantini no vax davanti alla scuola Firenze

"Le scritte no vax e il volantinaggio contro i vaccini effettuato stamani davanti all'Istituto comprensivo Barsanti sono vergognosi e intollerabili. Sono gesti che condanniamo con forza"

Foto Cecilia Fabiano/ LaPresse Campagna vaccinale anti Covid 19 itinerante Nella Foto : il camper ed il gazebo dove viene effettuato il vaccino

FIRENZE – “Le scritte no vax e il volantinaggio contro i vaccini effettuato stamani davanti all’Istituto comprensivo Barsanti sono vergognosi e intollerabili. Sono gesti che condanniamo con forza. Sono un’offesa grave verso tutti i cittadini, adulti e più giovani, che con grande senso di responsabilità si vaccinano. Quello che è accaduto alla Barsanti non rispecchia la nostra città e quanti credono e danno fiducia alla scienza e alla medicina”. Lo ha detto l’assessore all’Educazione del Comune di Firenze, Sara Funaro, commentando la notizia di scritte no vax vergate all’ingresso della scuola primaria per l’infanzia Martin Luther King, dell’Istituto comprensivo Barsanti e il volantinaggio contro i vaccini che stamani è stato effettuato al momento dell’ingresso degli alunni. Proprio davanti alla scuola primaria è atteso oggi il camper per la vaccinazione anti Covid dei bambini della fascia d’età 5-11 anni. Un’iniziativa, che parte da Firenze e che nei prossimi giorni toccherà molte altre scuole della Toscana per incentivare la vaccinazione pediatrica.

– “E’ inaccettabile che vengano strumentalizzate le scuole per fare propaganda contro i vaccini puntando sulla strategia del terrore – ha aggiunto Funaro – E trovo che sia altrettanto inammissibile il paragone con il nazismo, che ha segnato con discriminazioni e persecuzioni verso gli ebrei una delle pagine più buie della nostra storia, che ha lasciato ancora ferite aperte. Serve rispetto per la propria salute e per quella delle persone che ci stanno intorno e serve rispetto per la nostra memoria. Serve fare un passo in avanti, non un passo indietro”.

(LaPresse)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome